Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Saranno i giudici a notificare alle parti il deposito la cui data non è stata resa nota

E’ stato nuovamente rinviato il deposito della sentenza d’appello sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Il termine, fissato in un primo momento a 90 giorni dal verdetto, poi prorogato di altri 3 mesi, scade domani, ma la corte d’assise d’appello che ha celebrato il processo sulla trattativa tra Cosa nostra e pezzi dello Stato ha comunicato un ulteriore rinvio.
Saranno i giudici a notificare alle parti il deposito la cui data non è stata resa nota. In secondo grado, dopo le pesantissime condanne a boss, politici e Carabinieri, la corte d’assise d’appello ha ribaltato lo scorso 23 settembre, il verdetto demolendo un impianto accusatorio messo su in anni di indagini e processi. Assolti dall’accusa di minaccia a Corpo politico dello Stato con la formula “il fatto non costituisce reato”, Mario Mori, ex generale dei carabinieri del Ros, Antonio Subranni, ex capo del Raggruppamento Speciale dell’Arma, e l’ufficiale Giuseppe De Donno. Assolto anche Marcello Dell’Utri, ex senatore azzurro accusato dello stesso reato. Condanne pesanti, invece, per i capimafia Leoluca Bagarella e Nino Cinà, che con la violenza delle bombe mafiose fecero guerra allo Stato. Una decisione complessa che ha fatto discutere e che solo le motivazioni della sentenza chiariranno.

Foto © ACFB

ARTICOLI CORRELATI

Trattativa Stato-mafia: altri 90 giorni per le motivazioni della sentenza d'Appello

Processo trattativa, sentenza ribaltata

Processo trattativa, le condanne sono solo per i ''soliti'' mafiosi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy