Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Confermare la condanna agli otto imputati già condannati in primo grado: sono state queste le richieste del sostituto procuratore generale di Palermo Maria Teresa Maligno avanzate il 14 marzo al processo di appello scaturito dalla doppia inchiesta che ha delineato un intreccio di mafia, politica e massoneria deviata nell'Agrigentino. In primo grado, il primo giugno dell'anno scorso, il gup di Palermo decise 8 condanne e 3 assoluzioni. La pena più alta (20 anni di reclusione) fu inflitta ad Angelo Occhipinti, 66 anni, già condannato per mafia ed estorsione, ritenuto il nuovo capo della famiglia di Licata; dodici anni a Raimondo Semprevivo, 48 anni, imprenditore edile, condannato con l'accusa di essere il braccio destro del boss. Quest'ultimo era accusato, oltre che di associazione mafiosa, anche di un episodio di tentata estorsione in concorso con lo stesso Occhipinti. Dodici anni anche a Giovanni Mugnos, bracciante agricolo, 54 anni, ritenuto "l'alter ego" di Giovanni Lauria, altro esponente di spicco di Cosa Nostra di Licata, imputato in un altro stralcio. Dieci anni e otto mesi a Giuseppe Puleri, 41 anni, imprenditore, ritenuto componente della famiglia mafiosa di Campobello di Licata; dieci anni e otto mesi al farmacista Angelo Lauria, 46 anni, nipote di Giovanni. Stessa pena a Lucio Lutri, 61 anni, funzionario della Regione Sicilia, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Lutri, in particolare, "grazie alla rete relazionale a sua disposizione, quale Maestro venerabile della loggia massonica "Pensiero ed Azione" di Palermo, avrebbe "acquisito e veicolato agli appartenenti alla famiglia mafiosa informazioni riservate circa l'esistenza di attività di indagine a loro carico" e sarebbe intervenuto per favori di altra natura. Dieci anni e otto mesi a Giacomo Casa, 65 anni, pastore, ritenuto uno dei membri del clan licatese. Due anni e quattro mesi per l'elettrauto Marco Massaro, 36 anni, accusato di favoreggiamento aggravato per avere rivelato a Mugnos dell'esistenza di microspie all'interno della sua auto. Tre gli imputati assolti in primo grado: innanzitutto Vito Lauria, 50enne tecnico informatico, massone, figlio del boss Giovanni (alias "u prufissuri"), imputato nello stralcio ordinario. Assoluzione pure anche per Angelo Graci, 33 anni, ritenuto gregario del clan che avrebbe avuto spesso il compito di presidiare i luoghi dei summit. Assolto, in primo grado, infine, anche Giuseppe Galanti, 62 anni: il pm ne aveva chiesto la condanna a dieci anni e otto mesi in qualità di cassiere della famiglia mafiosa. Il verdetto che lo scagiona, non impugnato dalla procura, è diventato definitivo. Per gli altri dieci imputati il processo di secondo grado, è entrato nel vivo davanti ai giudici della terza sezione della Corte di appello di Palermo. Il pg ha chiesto la conferma del verdetto di condanna per gli 8 riconosciuti colpevoli in primo grado nonché la condanna a 10 anni e 8 mesi di Vito Lauria e Graci. La corte presieduta da Antonio Napoli ha fissato 5 udienze, a partire dal 4 aprile, per le discussioni dei difensori degli imputati (fra gli altri gli avvocati Giovanni Castronovo, Giuseppe Barba, Giovanni Rizzuti e Luigi Ciotta) e la camera di consiglio che dovrebbe portare alla sentenza il 9 giugno.

Fonte: AGI

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

''Halycon-Assedio'', tra mafia massoneria e politica: 8 condanne e 3 assoluzioni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy