Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Depositate le motivazioni della sentenza: “Ha espresso disprezzo a funzioni delle forze dell'ordine''

Una ''pluralità'' di elementi hanno dimostrato ''la condivisione da parte di Fabrizio Miccoli, degli atteggiamenti 'culturali' di numerosi soggetti appartenenti alla criminalità mafiosa (come per il richiamo ai rapporti intrattenuti con Francesco Guttaduaro, figlio di Filippo Guttadauro, detenuto per reati di mafia, e nipote di Matteo Messina Denaro) spesso tradotti esplicitamente in moduli comunicativi espressivi di disprezzo e denigrazione delle funzioni degli appartenenti alle forze dell'ordine''. E' quanto scrivono i giudici della seconda sezione penale della Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui il 23 novembre scorso hanno confermato e reso definitiva la condanna a tre anni e sei mesi per l'ex bomber del Palermo Fabrizio Miccoli. I supremi giudici hanno così rigettato l'appello della difesa dell'ex calciatore di origine salentina contro la sentenza decisa nel gennaio 2020 dalla Corte di Appello di Palermo per estorsione aggravata dal metodo mafioso, accogliendo la richiesta del sostituto procuratore generale della Suprema Corte Fulvio Baldi. Miccoli, che il giorno dopo la decisione della Cassazione si è costituito nel carcere di Rovigo, è accusato in particolare di aver sollecitato Mauro Lauricella, figlio di un mafioso del quartiere Kalsa, a chiedere la restituzione di ventimila euro all'imprenditore Andrea Graffagnini per conto del suo amico Giorgio Gasparini. I soldi, come dicono le sentenze, erano frutto della cessione della discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine. ''La lettura della motivazione (della sentenza di appello, ndr) dà puntualmente conto del costante controllo della vicenda da parte di Miccoli, che partecipò ad alcuni degli incontri predisposti da Lauricella con i debitori, veniva informato da Lauricella su ogni dettaglio quanto agli ulteriori incontri programmati con i debitori, agli ostacoli insorti, alle reazioni e alle scelte di far intervenire personaggi di primo piano della criminalità palermitana''. Per gli 'ermellini', nelle motivazioni della sentenza di appello ''si è dato conto, in modo dettagliato e specifico, della fattualità caratterizzata dal ricorso a metodi, quali la scelta di moduli comunicativi, di specifiche circostanze di luogo, di determinati soggetti da coinvolgere negli incontri destinati a 'convincere' i debitori all'adempimento delle obbligazioni assunte, tutti riconducibili all'agire mafioso''.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Miccoli chiede uscire dal carcere e affidamento in prova

Mafia: figlio del boss della Kalsa Lauricella si costituisce. Deve scontare 7 anni

Estorsione, Miccoli: per i giudici l'ex calciatore aveva ''legami criminali''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy