Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Si è conclusa con la condanna a 20 anni il processo con il rito abbreviato nei confronti dei due presunti torturatori dei campi profughi di Zuwara, in Libia, ultima meta dei migranti prima di essere imbarcati sulle carrette del mare per le traversate della speranza nel Mediterraneo. La sentenza è stata emessa dal gup del Tribunale di Palermo, Clelia Maltese. Si tratta di Pazurl Sohel, di 37 anni, e Harun MD, di 33 anni, entrambi originari del Bangladesh. Due spietati aguzzini, secondo l'accusa rappresentata dai magistrati Marzia Sabella, Geri Ferrara e Giorgia Righi, identificati e arrestati il 6 luglio del 2020, dopo le dichiarazioni rese da alcuni migranti ed in seguito ai riconoscimenti fotografici effettuati.

Proprio le testimonianze di quattro bengalesi, giunti a Lampedusa il 28 maggio del 2020 e poi trasferiti a Ragusa, hanno permesso agli investigatori di ricostruire diversi fatti, come le peripezie del viaggio e le torture subite nella safe house di Zuwara per ottenere dai parenti il pagamento del riscatto.
Al contempo era emerso che due dei loro carcerieri erano arrivati in Italia con uno sbarco successivo.

Così, dai profili Facebook, gli inquirenti sono risaliti allo sbarco, sottoponendo a fermo i due torturatori ad Agrigento. Nel corso dell'incidente probatorio, davanti al gip, i migranti hanno riconosciuto i propri torturatori.
Confessioni, strazianti, rotte dal pianto, che hanno consentito di stilare lunghi verbali, determinanti per incastrarli.
Importante anche la consulenza medico legale, disposta dal magistrato, che ha poi consentito di accertare la presenza dei segni delle cicatrici dovute alle torture.

Le vittime hanno prodotto anche dei video delle torture e del pagamento del riscatto, pagato in Bangladesh.
Alcune foto su Facebook ritraggono gli imputati che impugnano fucili Kalashnikov ak47, gli stessi con cui picchiavano i migranti in carcere. Fatti e circostanze che hanno indotto la pubblica accusa, a richiedere il massimo della condanna, a 20 anni di reclusione. Alla richiesta, ovviamente, si è opposta la difesa. Ma il Gup ha condannato i due imputati a 20 anni di reclusione.

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy