Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La procura di Perugia, guidata da Raffaele Cantone, intende chiamare a testimoniare in aula, nell'ambito del processo che vede imputati l'ex magistrato romano Stefano Rocco Fava e l'ex consigliere del Csm, Luca Palamara per rivelazione di segreto d'ufficio, 24 testimoni in tutto, tra cui: l'ex procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, l'ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, Luca Lotti e Cosimo Ferri. Rinviati a giudizio nell'ottobre scorso il processo nei loro confronti davanti al terzo collegio del Tribunale di Perugia comincerà il 19 gennaio. A citare Pignatone come testimone è stata anche la difesa di Fava, rappresentata dall'avvocato Luigi Castaldi. Mentre i nomi di Lotti e Ferri compaiono in tutte le liste testi depositate da accusa e difesa. Tra i testimoni citati da Luca Palamara, difeso dagli avvocati Roberto Rampioni e Benedetto Buratti, ci sono magistrati in servizio alla procura di Roma e a quella di Napoli, lo stesso Davigo e il consigliere del Csm Sebastiano Ardita. Mentre la Procura del capoluogo umbro vuole chiamare in aula anche l'imprenditore Fabrizio Centofanti e l'avvocato siciliano Piero Amara come fa anche la difesa di Stefano Rocco Fava. Parte civile nei confronti di questo ultimo il procuratore aggiunto di Roma, Paolo Ielo, che ha depositato una lista testi composta da 13 nomi.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Il Csm sarà parte civile al processo di Perugia contro Palamara

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy