Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il clan Spada è mafia: lo ha stabilito la prima sezione penale della Corte di Cassazione nella sentenza del maxiprocesso su 17 membri dell'organizzazione criminale di Ostia accogliendo la richiesta del sostituto procuratore generale della Cassazione, Luigi Birritteri, che aveva sollecitato la conferma dell'associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan del litorale. I supremi giudici hanno inoltre disposto un nuovo processo d'Appello per l'omicidio di due esponenti di un clan rivale, 'Baficchio' (Giovanni Galleoni) e 'Sorcanera' (Francesco Antonini), commesso il 22 novembre del 2011, di giorno e nel centro di Ostia. Il processo di Appello bis riguarderà Roberto Spada, già condannato in via definitiva per la testata al giornalista Daniele Piervincenzi, Ottavio Spada detto 'Marco' e Carmine Spada. I ricorsi degli altri imputati sono stati dichiarati inammissibili o rigettati. La corte ha dunque confermato sostanzialmente le pene inflitte. Il processo nasce dall'indagine della Direzione distrettuale antimafia di Roma, coordinata dai procuratori aggiunti Michele Prestipino e Ilaria Calò e dal pm Mario Palazzi, che aveva portato il 25 gennaio del 2018 all'operazione 'Eclissi' con gli arresti eseguiti dai carabinieri e dai poliziotti della Squadra mobile.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Maxiprocesso al clan Spada, i giudici confermano: ''E' mafia''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy