Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata approvata, con un solo voto contrario e una astensione, la proposta di delibera della Nona commissione, relatore il consigliere togato Giovanni Zaccaro, con cui il Csm ha deciso "di prendere attivamente parte" alla prossima riunione dell'Assemblea generale straordinaria della Rete europea dei Consigli di giustizia che si terrà a Vilnius (capitale della Lituania) il 28 e 29 ottobre, per "esprimere piena adesione alle iniziative sin qui adottate", come riassunte dalla "proposta di espulsione" del Consiglio della magistratura polacco (Krs) formalizzata dal Comitato esecutivo dell'Encj. La decisione del Csm si fonda sulle preoccupazioni già in precedenza manifestate rispetto "alla possibile compromissione dei requisiti di indipendenza e autonomia della magistratura polacca" e sulla condivisione dei principi espressi dal Comitato esecutivo della Rete europea dei Consigli di giustizia. All'Assemblea generale straordinaria dell'Encj, il cui presidente è il consigliere Filippo Donati, il Csm italiano sarà rappresentato dal vicepresidente David Ermini; alla missione partecipa anche il neo presidente della Nona commissione, il laico Stefano Cavanna. La proposta di espulsione elaborata dal Comitato esecutivo dell'Encj è motivata dal fatto che il Consiglio della magistratura polacco "non rispetta la norma statutaria dell'Encj secondo la quale un membro dovrebbe essere indipendente dal potere esecutivo e legislativo" e si pone "in palese violazione della norma dell'Encj che tutela l'indipendenza della magistratura di fronte a qualsiasi misura che minaccia di compromettere i valori fondamentali di indipendenza e autonomia". Il Krs, in sostanza, "mette in pericolo l'applicazione del diritto dell'Ue in merito all'indipendenza dei magistrati e dei tribunali, e quindi alla sua efficacia" agendo in tal modo "contro gli interessi dello spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia e contro i valori che esso rappresenta". Nella proposta di espulsione si sottolinea inoltre che "dalla sospensione del Krs da parte dell'Assemblea generale dell'Encj in data 17.9.2018 non sono stati rilevati miglioramenti nel funzionamento del Krs e la situazione è ulteriormente peggiorata”.

Foto © Imagoeconomica

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy