Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I clan vibonesi avrebbero saputo in anticipo, per anni, di notizie ancora coperte da segreto istruttorio e di indagini antimafia in corso sul loro conto. Più "talpe" avrebbero quindi passato notizie riservate agli esponenti dei clan. E' quanto dichiarato oggi dinanzi al Tribunale collegiale di Vibo Valentia dal collaboratore di giustizia di Vibo Valentia, Bartolomeo Arena, nel corso del maxiprocesso Rinascita-Scott.
Rispondendo alle domande del pm della Dda di Catanzaro, ha spiegato che il clan Bonavota di Sant'Onofrio (paese confinante con Vibo Valentia) aveva saputo dell'esistenza di un'indagine sullo stesso Arena e sullo zio Domenico Camillò, ora imputato con l'accusa di essere uno dei boss del locale di 'Ndrangheta di Vibo Valentia. Qualcuno dall'interno della Dda, secondo il collaboratore di giustizia, avrebbe quindi passato informazioni riservate al clan Bonavota. La "musica" sarebbe cambiata, ha sostenuto il collaboratore, con l'arrivo di Nicola Gratteri alla guida della Procura di Catanzaro. "Da quando è arrivato Gratteri - ha dichiarato Arena - la Dda è stata blindata e non è uscito più nulla. Prima invece dalla Dda di Catanzaro le notizie uscivano".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy