Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Procura della Repubblica di Agrigento, con a capo Luigi Patronaggio, ha aperto un'inchiesta sul viaggio e sul maxi sbarco di 539 migranti a Lampedusa. Non si tratta del classico fascicolo sul favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, che viene aperto ad ogni sbarco, indirizzato ad individuare i possibili traghettatori di uomini. Appare scontato in questo caso - dell'attività investigativa si stanno occupando Guardia di Finanza e Squadra Mobile - che per imbarcare tutte quelle persone (539 appunto) su un unico barcone vi sia dietro un'organizzazione che ha magari prima tenuto, in qualche centro-lager, gli egiziani, siriani, magrebini e subsahariani. Alcuni, fra l'altro, secondo quanto evidenziato dai medici di Msf, avrebbero sul corpo segni di violenza, segnali riconducibili verosimilmente ad una possibile prigionia.

Foto d'archivio © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy