Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il processo Borsellino quater arriva al vaglio della Cassazione: è stata infatti fissata al 5 ottobre prossimo l'udienza davanti alla quinta sezione penale della Suprema Corte, chiamata a decidere se confermare o meno la sentenza emessa dai giudici d'appello di Caltanissetta nel novembre 2019. L'avviso di fissazione udienza è stato notificato ai difensori degli imputati e ai legali di parte civile.
I giudici ermellini dovranno esaminare i ricorsi presentati contro la pronuncia con cui la Corte d'assise d'appello nissena ha condannato - confermando il verdetto già emesso in primo grado nell'aprile 2017 - i boss palermitani Salvatore Madonia e Vittorio Tutino all'ergastolo, a 10 anni ciascuno ai falsi collaboratori di giustizia Calogero Pulci e Francesco Andriotta, e dichiarato la prescrizione del reato per Vincenzo Scarantino. Una sentenza che ha confermato la tesi del depistaggio sulle indagini relative alla strage di via D'Amelio, nella quale, il 19 luglio 1992, il giudice Paolo Borsellino morì con gli agenti della sua scorta: "Uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana", lo definì la Corte d'assise di Caltanissetta, nelle motivazioni della sentenza, lunga quasi 2mila pagine e depositata nell'estate del 2018, del processo di primo grado.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy