Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nello stesso giorno sarà sentita anche la sorella del poliziotto, Flora

Entrerà ufficialmente nel vivo a settembre, con la deposizione di Vincenzo Agostino, padre del poliziotto Nino, ucciso il 5 agosto 1989 assieme alla moglie Ida Castelluccio, l'istruttoria dibattimentale nel processo contro Gaetano Scotto, accusato di duplice omicidio aggravato, e di Francesco Paolo Rizzuto, accusato di favoreggiamento.
A stabilirlo è stato il presidente della Corte d'Assise Sergio Gulotta (Monica Sammartino giudice a latere), che questa mattina ha sciolto la riserva ammettendo tutti i testimoni inseriti dalle parti processuali nell'udienza di giugno.
Assieme a Vincenzo Agostino, che da trentadue anni non taglia la barba proprio perché in attesa di verità e giustizia su quel duplice delitto, sarà sentita anche sua figlia, Flora. Entrambi sono assistiti dall'avvocato Fabio Repici.
Nell'udienza odierna, che si è svolta nell'aula bunker del carcere Ucciardone, la Corte ha anche disposto le trascrizioni delle intercettazioni su cui non è stato prestato il consenso da parte della difesa.
Per l'omicidio è stato già condannato, in abbreviato, il boss del mandamento di Resuttana, Antonino Madonia. Per questa udienza, tra il pubblico, in un primo momento c'era anche il Presidente della Commissione antimafia, Nicola Morra. Tenuto conto che il processo - per le normative anti covid - si svolge a porte chiuse, Morra ha poi lasciato l'aula, ma prima ha anche lasciato un messaggio con l'augurio che "finalmente, con questo processo, grazie alla Procura generale di Palermo, si possa concedere giustizia innanzitutto ad un padre ed ad una famiglia che hanno trovato nello Stato non sempre un alleato, quanto piuttosto un inquirente 'timido e timoroso'".
Il processo, dunque, è stato rinviato al 13 settembre prossimo. Quando avrà inizio un nuovo cammino verso la verità.

In foto: Vincenzo e Nino Agostino in uno scatto d'archivio

ARTICOLI CORRELATI

Processo Agostino, Pg introduce atto d'accusa

''E' ora di scoprire i pupari'', trentadue anni dopo inizia il processo Agostino

Caso Agostino, ergastolo per Madonia. Scotto e Rizzuto a giudizio

Flora Agostino: ''In aula oggi ho pianto. E' stata scritta una pagina importante''

Nino Di Matteo: ''Su Agostino verità emerge a distanza di anni''

Omicidio Agostino: il Gup in Camera di consiglio

Processo Agostino: ucciso perché scoprì i rapporti tra i Madonia e i servizi

Repici sull'omicidio Agostino: ''Sinergia tra mafia e apparati deviati dello Stato''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy