Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I giudici del tribunale del Riesame di Roma si sono riservati di decidere sull'istanza di dissequestro atti presentata dalla difesa dell'ex br Paolo Persichetti, indagato dai pm di Roma per associazione sovversiva finalizzata al terrorismo e favoreggiamento.
L'ex terrorista è accusato di essere entrato in possesso di documenti riservati "fuoriusciti" dalla Commissione parlamentare di inchiesta sul sequestro e omicidio di Aldo Moro. L'8 giugno scorso, su richiesta del pm Eugenio Albamonte, l'ex terrorista era stato oggetto di una perquisizione domiciliare da parte della Digos durante la quale sono stati sequestrati una serie di documenti. L'indagine e' stata avviata nello scorso mese di febbraio alla luce di una informativa della Digos depositata in procura. Obiettivo di chi indaga e' capire come Persichetti, che da anni svolge attività di studio e di ricerca storica, sia entrato in possesso degli atti riservati.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy