Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La quinta sezione penale della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura generale di Catania contro il dissequestro dei beni dell'imprenditore ed editore Mario Ciancio Sanfilippo. Nelle 35 pagine, firmate dalla presidente Maria Vessichelli e dalla consigliera Barbara Calaselice, la Suprema Corte rigetta tutti i cinque punti dell'impugnazione e "dichiara inammissibile il ricorso". 
"La motivazione del decreto impugnato rende conto in modo ampio e articolato delle emergenze processuali esaminate" hanno scritto i giudici in uno dei passaggi delle motivazioni. 
"Siamo ovviamente molto soddisfatti - ha commentato l'avvocato Carmelo Peluso - delle motivazioni con cui la Corte di Cassazione, accogliendo le richieste dei difensori di Mario Ciancio Sanfilippo, ha dichiarato inammissibile il ricorso avverso il provvedimento con cui la Corte di appello di Catania aveva annullato la confisca e ordinato la restituzione di tutti i beni all'imprenditore ed ai suoi familiari. La Cassazione ha affrontato con particolare attenzione tutti i motivi di gravame dedotti dal Procura generale alla luce delle memorie dei difensori, che ne avevano chiesto la inammissibilità e dopo una puntuale disamina di ogni argomento ha dichiarato il ricorso totalmente inammissibile, chiudendo definitivamente il procedimento di prevenzione".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy