Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il 15 aprile la sentenza

La pm della Dda di Bari Lidia Giorgio ha chiesto 4 anni e 6 mesi di detenzione per Monica Laera (in foto), moglie del boss Lorenzo Caldarola (capoclan degli Strisciuglio di Bari), per l’aggressione contro l’inviata Rai Maria Grazia Mazzola, avvenuta il 9 febbraio 2018. Un’aggressione che provocò la frattura della mandibola sinistra della giornalista. A darne notizia è la stessa inviata Rai con un post su Facebook. "Poiché la difesa ha chiesto il rito abbreviato, la richiesta di pena si riduce a 3 anni. Ha contestato l'aggravante mafiosa - afferma Maria Grazia Mazzola - e quindi la recidiva, le minacce di morte nei miei riguardi, le lesioni, e l'esercizio del controllo mafioso del territorio". "Sapete cosa hanno detto gli avvocati della mafiosa? - riporta la giornalista - Fu un litigio tra donne...! E io la provocatrice…". "Ve lo immaginate? - aggiunge - Io cronista coi sandali e lei nota violenta mafiosa condannata definitivamente per avere guidato un gruppo di fuoco!". La sentenza si terrà il prossimo 15 aprile.

ARTICOLI CORRELATI

Aggressione a Maria Grazia Mazzola, il 18 febbraio la requisitoria

Maria Grazia Mazzola: ''Più tutele per i giornalisti, più informazione per il Paese''

Archiviata la denuncia della moglie del boss contro la giornalista Maria Grazia Mazzola

La giornalista Maria Grazia Mazzola picchiata dalla moglie di un boss

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy