Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In appello i giudici hanno assolto “il re dell’eolico” dal reato per cui il Tribunale gli aveva comminato nove anni

Cade in appello la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa a carico del “re dell’eolico” Vito Nicastri. La Corte d'appello di Palermo, riformando la sentenza di primo grado, lo ha assolto dal reato per cui il Tribunale gli aveva comminato nove anni e ha confermato la condanna per intestazione fittizia di beni, irrogando all'imprenditore una pena di 4 anni. Nicastri per gli inquirenti sarebbe uno dei "finanziatori" della latitanza del super latitante di Cosa nostra Matteo Messina Denaro. Nicastri era stato condannato col rito abbreviato. La stessa pena era stata irrogata al fratello Roberto che pure rispondeva di concorso esterno in associazione mafiosa e intestazione fittizia. Anche per lui è caduta l'accusa più pesante di mafia e per il reato di intestazione fittizia la pena è stata ridotta a 2 anni e 8 mesi. A carico di Nicastri, riuscito a mettere su una fortuna da oltre un miliardo di euro, puntando per primo sulle energie alternative, le dichiarazioni del pentito Lorenzo Cimarosa, nel frattempo morto, che lo ha indicato come uno dei finanziatori della ultradecennale di Messina Denaro. Il mafioso Giuseppe Sucameli, inoltre, intercettato, dice che Nicastri "le cose le faceva per il suo amico di Castelvetrano", riferimento chiaro al boss latitante. Cimarosa ha raccontato di una borsa piena di soldi che Nicastri avrebbe fatto avere al padrino di Castelvetrano attraverso un altro uomo d'onore, Michele Gucciardi. Parallelamente al processo per mafia l'imprenditore è finito sotto inchiesta per corruzione insieme, tra gli altri, al consulente della Lega Francesco Paolo Arata e al figlio Manlio Nicastri. Dopo aver cominciato a collaborare con i pm, rivelando alcuni particolari su un giro di mazzette che coinvolgerebbe alcuni funzionari della Regione, pagati per accelerare l'iter per la realizzazione di impianti di biometano, ha patteggiato una condanna a due anni e 10 mesi per corruzione e intestazione fittizia di beni. I giudici gli hanno riconosciuto la circostanza attenuante della collaborazione con la giustizia. Il figlio Manlio, che rispondeva degli stessi reati, ha invece patteggiato una condanna a due anni.

ARTICOLI CORRELATI

Processo Pionica: per il gup, Vito Nicastri non diede soldi a Messina Denaro

Vito Nicastri condannato a 9 anni: ''Ha finanziato la latitanza di Messina Denaro''

Corruzione: i Nicastri patteggiano le condanne

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy