Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Giuseppe Falsone resterà al 41 bis. Dopo il ricorso presentato dalla difesa del capomafia la Corte di Cassazione ha rigettato la richiesta confermando il decreto di applicazione del regime del 41 bis, firmato dal ministro della Giustizia e confermato dal tribunale di sorveglianza di Roma.
Falsone fu catturato dalla polizia a Marsiglia, il 25 giugno del 2010, dopo oltre un decennio di latitanza, conclusa con la fuga all'estero.
Secondo la Suprema Corte il rischio di contatti con l'esterno è ancora elevato e necessita di ulteriori restrizioni in ambito penitenziario.
Falsone, quando fu arrestato, era il reggente di Cosa Nostra della provincia di Agrigento, nonché capo della famiglia mafiosa di Campobello di Licata. Al tempo, secondo gli inquirenti, era il numero due in Sicilia, per spessore e prestigio criminale, conquistato sul campo contro il suo grande rivale, il racalmutese Maurizio Di Gati, che fu pure costretto a ritirarsi e collaborare con la giustizia dopo l'omicidio del suo braccio destro Carmelo Milioti, assassinato mentre era dal barbiere.
Nel maxi processo Akragas Falsone fu condannato all'ergastolo per l'omicidio dello stiddaro Salvatore Ingaglio che, tredici anni prima, gli aveva ucciso il padre e il fratello.
Il tribunale di sorveglianza di Roma, nelle scorse settimane, aveva rigettato la richiesta sostenendo che "il rischio di contatti con l'esterno è ancora sussistente". Il suo legale Angela Porcello si era rivolta alla Cassazione dove, giovedì mattina, si è tenuta l'udienza per discutere il ricorso. Nelle scorse ore è stato depositato l'esito che conferma l'applicazione del regime del "carcere duro" che prevede particolari restrizioni nella socialità all'interno del carcere e nei colloqui con l'esterno.

Foto © Imagoeconomica

Video

  • All
  • 'Ndrangheta
  • Agende Rosse
  • Agustín Saiz
  • Nicola Gratteri
  • Paolo Borsellino
  • Salvatore Borsellino
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy