Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Stralciata posizione di Sarcone. Condanna anche per Iaquinta

Quasi 700 anni di carcere. A tanto ammontano le pene inflitte dalla Corte di Appello di Bologna nel maxiprocesso Aemilia contro la 'Ndrangheta in Emilia-Romagna. La lettura della sentenza è durata per ben 55 minuti all'interno dell'aula bunker del carcere della Dozza di Bologna.
Ben 118 gli imputati, 33 dei quali accusati di associazione mafiosa: per loro la Procura generale aveva chiesto oltre mille anni di pene complessive. Ai 91 condannati si affiancano 27 tra assoluzioni, proscioglimenti e prescrizioni. Il processo di secondo grado di Aemilia aveva preso avvio il 13 febbraio scorso e dopo 10 mesi di udienze, e uno stop a causa del Covid, oggi è arrivata la sentenza che ha visto confermate, per la maggior parte degli imputati a cui erano state contestate, le accuse di associazione mafiosa. Non sono però mancati sconti di pena, dovuti anche all'unificazione dei due riti, abbreviato e ordinario, nel processo d'appello e proscioglimenti per assoluzione o prescrizione dei reati contestati.
A Giuseppe Iaquinta, padre dell'ex calciatore Vincenzo (imputato nel processo Aemilia per reati d'armi, la cui condanna a 2 anni è stata confermata ma con il beneficio della sospensione condizionale), la pena è stata ridotta da 19 a 13 anni. Michele Bolognino, ritenuto uno dei referenti del clan Grande Aracri in Emilia, per cui erano stati chiesti 28 anni, è stato condannato a 21 anni e tre mesi di reclusione, mentre i fratelli Alfredo e Francesco Amato, per i quali era stata chiesta la conferma dei 19 anni e 19 anni e un mese decisa in primo grado, sono stati condannati a 17 anni e 16 anni e 9 mesi. Sarà invece un altro collegio di giudici a doversi pronunciare sulla posizione di Gianluigi Sarcone, fratello del boss Nicolino, considerato figura di spicco della 'Ndrangheta in Emilia. La sua posizione, infatti, è stata stralciata, poiché la Cassazione ha annullato, accogliendo il ricorso dello stesso Sarcone, la decisione con cui la corte aveva dichiarato inammissibile una sua istanza di ricusazione.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy