Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
E’ tornato in carcere il mafioso siracusano Antonino Sudato, appartenente al clan Nardo-Aparo e che avrebbe partecipato alla guerra di mafia della sua zona negli anni dal '90 al 1994, condannato all'ergastolo, in applicazione del 'decreto antimafia' del ministro Bonafede e su iniziativa del Dap. Era uno dei condannati finiti ai disciplinari su disposizione dei magistrati per ragioni di salute. L’uomo di 67 anni era rinchiuso nel carcere di Sulmona, e aveva ottenuto gli arresti domiciliari dopo che il magistrato di sorveglianza dell'Aquila aveva accolto l'istanza del suo avvocato Antonino Campisi. La motivazione era l'incompatibilità del detenuto con la vita carceraria per motivi di salute e per il rischio di contagio da Coronavirus, che può aggravare seriamente lo stato di una persona con rilevanti patologie".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy