Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
La testimone di giustizia: "Ho vissuto momenti di assoluto sgomento"

"Quando sono cominciate a circolare le voci in merito alle scarcerazioni di pericolosi boss, molti dei quali condannati al regime carcerario del 41 bis, come tanti, come tutti ho vissuto momenti di assoluto sgomento, incredulità, devastazione interiore. Sono stata assalita da un profondo sentimento di abbandono, di tradimento da parte di un'istituzione nella quale ho sempre creduto".
E' in una lettera aperta che la deputata del Movimento Cinque Stelle, testimone di giustizia, Piera Aiello esprime quanto ha vissuto in queste ultime settimane. Dai primi di aprile sono tanti i nomi dei boss che, per motivi di salute accompagnati al rischio contagio per il coronavirus, si sono visti riconoscere la detenzione domiciliare. Per queste scarcerazioni la Aiello ha voluto chiedere "scusa alle vittime di mafia, ai parenti, ai testimoni di giustizia, ai sopravvissuti ed ai tanti operai dell'antimafia sociale che quotidianamente si adoperano per commemorare le vittime di mafia e per diffondere una cultura che non può e non deve contemplare un condono mascherato dall'incompetenza e dall'inefficienza di tanti". "Quanto successo - continua - è di una gravità che ha dell'irreale, è stata minata in maniera forse irreversibile la fiducia nello Stato, quella fiducia che ha indotto il mondo dell'antimafia a chiedersi se vale ancora la pena svolgere questa importante funzione sociale". "Avevo di fronte due scelte: Fare dichiarazioni roboanti che si sarebbero forse confuse tra le tante deliranti dichiarazioni nelle quali molti politici arrivano a contraddirsi nell'arco della stessa giornata - dice - Decidere in maniera silente, responsabile e determinata di rimediare a quello che considero un grandissimo errore politico-giudiziario. Non mi interessava attribuire colpe o fare la voce grossa per manie di protagonismo. Era importante ricercare soluzioni immediate ad una vicenda nella quale c'era il rischio che altri pericolosi criminali uscissero dal carcere". "Ho scelto di interpellare, supplicare, minacciare tutti coloro che potevano e dovevano porre rimedio al rivoltante esodo che poteva portare a conseguenze ancora più devastanti - aggiunge- Ho indicato soluzioni, suggerito nomi che potessero portare ai vertici del Dap, persone di comprovate capacità professionali e di indiscutibili qualità etiche e morali. Era indispensabile nominare persone in grado di dare a tutti noi quella indispensabile certezza circa il buon funzionamento del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria". "In maniera tempestiva sono stati emanati provvedimenti legislativi che coinvolgono il Procuratore nazionale antimafia e la commissione parlamentare antimafia chiamati ad esprimere pareri vincolanti qualora si prefigurassero situazioni analoghe che prevedano scarcerazioni eccellenti", dice ancora la deputata Aiello. "Tutto ciò non cancella un errore madornale ma ne riduce la gravità e gli effetti che potevano essere ancora più devastanti. Ho fatto quello che dovevo, in silenzio, determinata come mai a svolgere in maniera dignitosa quella funzione di rappresentanza che sono stata chiamata a svolgere da coloro che mi hanno votato. Ho fondamentali traguardi da raggiungere nell'immediato, alcune importanti informative antimafia ed una legge, di cui sono prima firmataria, a tutela dei testimoni di giustizia", spiega. "Il mondo della politica probabilmente non è il mio mondo, al raggiungimento di questi traguardi sarà opportuno fare grosse riflessioni che inevitabilmente mi porteranno a scelte sofferte ma allo stesso tempo obbligate".

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy