Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
L’appello del procuratore nazionale antimafia: “Lo Stato dia soldi a imprese in modo rapido

Il momento attuale è di grandissima delicatezza perché le mafie mirano soprattutto a infiltrare l'economia e a stringere relazioni con il potere. Un momento di disagio come quello attuale, un disagio sociale, e nello stesso tempo di difficoltà economica, apre le mafie a un doppio piano del consenso sociale, che riguarda più propriamente i territori in cui le mafie sono radicate, e dall'altro il piano economico della conquista di settori dell'economia”. Ancora una volta, il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, ha lanciato l’allarme, ieri pomeriggio in un’intervista a "Mezz'ora in più", su Rai 3, condotta da Lucia Annunziata, sul rischio di inquinamento del sistema economico da parte delle mafie, vista la grave emergenza epidemiologica legata al Coronavirus. “I settori sono i più vasti e le mafie si inseriscono ogni volta c'è una emergenza - ha detto - Oggi sicuramente abbiamo una specializzazione nel contrasto alle mafie e soprattutto abbiamo condivisione non solo delle banche dati ma soprattutto fra uomini, una grande collaborazione”.
Nel proseguo dell’intervista, de Raho ha spiegato che la “’Ndrangheta fattura 30 miliardi l’anno solo con gli stupefacenti” e quindi le mafie “dove c’è opportunità investono loro ricchezze. In momenti di difficoltà entreranno loro e non lo Stato con i suoi sostegni”. E poi ha aggiunto: “Lo Stato deve difendere l’economia legale e azionare meccanismi di controllo necessari, non ridotti a burocratizzazione del sistema - ha detto il procuratore nazionale antimafia - Lo Stato deve essere vicino alle imprese e impedire alle mafie di entrare”.

deraho cafiero federico c imagoeconomica 1342197

Il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho


Per questo motivo, il procuratore nazionale antimafia ha ribadito che lo Stato “deve dare soldi e in fretta e controllare che quel che dà venga utilizzato dalle imprese”. Per il magistrato sanità e costruzioni sono settori “di maggiore spesa pubblica, è quindi evidente che le mafie tendano a questi due settori”. Con una crisi di liquidità “si rischia l’assalto delle mafie all’economia legale”.
Per far comprendere quanto le mafie siano al passo con la tecnologia, de Raho ha fatto un esempio, semplice quanto efficace: “In un'intercettazione telefonica tra due esponenti criminali, uno diceva all'altro che oggi per essere mafiosi non bisogna più sapere sparare ma sapere usare il dito indice per usare un computer”.
In conclusione, il procuratore nazionale ha evidenziato come “le grandi mafie sono proiettate nel mondo e si muovono con una facilità e una rapidità che è consentita alla loro organizzazione” in quanto “hanno reti stabili rispetto alle quali possono ricollegarsi e quindi movimentando queste reti riescono a trasferire anche grosse partite di stupefacenti, nel porto di Anversa, di Rotterdam, così come nei porti del Tirreno e nei porti spagnoli esistono delle reti che sono lì in attesa. - ha concluso - Nel momento in cui il carico sta per arrivare lo recepiscono".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

L'allarme di de Raho: ''La mafia sta muovendo i container della cocaina''

Coronavirus. De Raho: ''Rischiamo di consegnare l'economia alla camorra''

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy