Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il fratello della magistrata Francesca: "Carlo Nordio deve lasciar riposare in pace i morti"

È una “mistificazione” affermare che Giovanni Falcone era favorevole alla separazione delle carriere.
Il magistrato ucciso a Capaci il 23 maggio 1992 disse che “il pm non deve avere nessun tipo di parentela con il giudice e non deve essere, come invece è oggi, una specie di paragiudice”, ma quella frase fa parte di un discorso molto più ampio "pronunciato da Falcone in due interventi del 1989 e 1990, come ha ricordato Gioacchino Natoli: Giovanni era contrario alla separazione delle carriere. Semmai era un sostenitore della cosiddetta separazione delle funzioni o quantomeno della necessità di una specializzazione per l’ufficio del pubblico ministero".
È tranciante Alfredo Morvillo in merito alla nuova trovata del governo sulla separazione delle carriere inserito nella (schi)forma sull'ordinamento della giustizia.
Nell'intervista rilasciata al 'Fatto Quotidiano' l'ex giudice nonché fratello della magistrata Francesca Morvillo ha ribadito che le affermazioni di Falcone sono state "decontestualizzate": infatti, ha spiegato Morillo, c'era una necessità: i pm non avevano esperienza di coordinamento delle indagini, per questo "avrebbero dovuto avere una preparazione supplementare, al di là delle semplici materie del concorso. D’altra parte se parliamo di separazione delle carriere dovremmo anche ricordare che tipo di carriera ha fatto Giovanni".
Ma “questo è il solito giochetto: usano il nome di Falcone come prova della bontà delle loro tesi”, ha detto l’ex pm. “Eppure – sottolinea – quando il ministro parla di concorso esterno, di intercettazioni o di 41 bis, si guarda bene dal citare Falcone: come mai? Forse perché in realtà tra le posizioni di Nordio e quelle di Giovanni c’è un abisso”.  "Per quattro volte: fu pretore, giudice, pm, Procuratore aggiunto e poi magistrato fuori ruolo al ministero. Lo stesso ha fatto Paolo Borsellino".
Eppure i fautori della riforma si fanno scudo con le parole del magistrato ucciso il 23 maggio senza però ricordare "che la separazione delle carriere era contenuta nel Piano di rinascita democratica della P2 di Licio Gelli. Per questo dico a Nordio di lasciar riposare in pace i morti. Vada pure avanti con le sue riforme, anche più inutili di questa, ma la smetta di citare a sproposito il nome di chi non c’è più e non può replicare".
Infine Morvillo ha commentato così il testo di riforma approvato da poco in consiglio dei ministri: "Ritengo che sia gravemente offensivo dipingere i giudici come passacarte delle Procure, influenzabili solo per aver fatto lo stesso concorso del pm. Ma risponde a un’operazione portata avanti negli ultimi anni da quasi tutte le forze politiche: si vuole diffondere sfiducia nei confronti della giustizia. Solo che quando in un Paese viene meno la fiducia nella giustizia, cominciano a essere in pericolo anche le libertà democratiche".

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI


Carriere separate, così si tradisce il popolo italiano

Presidente tribunale Palermo: riforma giustizia è rivincita sulla magistratura

La delirante riforma della giustizia: maggioranza di governo verso lo Stato-piduista

Patronaggio: ''La separazione delle carriere prelude alla dipendenza del Pm dall'esecutivo''

Gratteri: ''Separazione delle carriere? Pregiudizievole e incostituzionale''

Scarpinato: ''Costituzione linea Maginot di una nuova Resistenza''

Di Matteo: ''Riforme della giustizia affondano le radici nel disegno della loggia P2''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos