Il gup di Caltanissetta contesta all’ex giudice del Maxi processo l'accusa di falso in atto pubblico

Ci sarà un nuovo processo per l'ex giudice Silvana Saguto, già condannata in via definitiva per corruzione e concussione nell'ambito del processo sul cosiddetto 'cerchio magico' sulle Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. Il gup di Caltanissetta ha rinviato a giudizio l'ex magistrato con l'accusa di falso in atto pubblico. Un rinvio a giudizio che arriva dopo due richieste di archiviazione presentate dalla Procura, appellate dal legale degli imprenditori Virga. La prima udienza si terrà il prossimo 5 giugno al Tribunale di Caltanissetta. Secondo l'accusa, Saguto nel 2015, quando era alla guida della sezione Misure di prevenzione di Palermo, avrebbe adottato da sola un provvedimento di sequestro nei confronti dei beni dei Virga e non in forma collegiale, come vuole la legge. Fu uno dei sequestri più grossi di quel periodo, valutato in 1,6 miliardi di euro. Nel frattempo gli imprenditori Vincenzo e Carmelo Virga hanno ottenuto la restituzione dei loro beni e la società in stato fallimentare.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Saguto, motivazioni Cassazione: ''Ha stretto un accordo trilaterale''

Tribunale di sorveglianza di Palermo: Silvana Saguto resta in carcere, il marito in ospedale

La mela marcia Saguto. Beni confiscati, il sistema non cede al ''cerchio magico’’

Silvana Saguto arrestata in clinica a Palermo per corruzione

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos