Il Procuratore di Palermo intervistato da Il Corriere della Sera

Quella di quest'anno, "è una ricorrenza diversa, proprio perché oggi tutti i colpevoli accertati delle bombe del '92 e del '93 sono in carcere, al '41 bis', o deceduti. Dopo la cattura di Matteo Messina Denaro, l'ultimo stragista latitante, lo Stato ha finalmente un debito in meno da pagare con i propri martiri. Fermo restando che molto resta da fare per chiarire le zone d'ombra che continuano a gravare su quella stagione". Lo dice, in una intervista al Corriere della Sera, il procuratore capo a Palermo, Maurizio de Lucia, nel giorno del trentunesimo anniversario della strage di Capaci, costata la vita a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli agenti di scorta. Sulle "zone d'ombra", de Lucia, spiega che "le indagini sulle stragi sono competenza di altri uffici giudiziari che stanno lavorando alacremente, ma chi ha indicato i luoghi delle stragi del 1993, o le vere ragioni dell'accelerazione dell'attentato a Paolo Borsellino, sono due delle domande ancora senza risposta". Pensa a interventi esterni a Cosa nostra? "Sono ipotesi. Di certo Cosa nostra non è e non è stata solo un raggruppamento di contadini corleonesi, ma anche un insieme di intelligenze che. nel tempo li hanno aiutati, e dunque non è irragionevole pensare ad altri soggetti che hanno svolto un ruolo di consulenza, per così dire. Ma, di nuovo, è materia d'interesse di altre procure". Parlando poi di Matteo Messina Denaro, de Lucia dice che "è l'emblema della Mafia che ha cambiato faccia. Lui rappresenta il passato stragista, ma aveva già avviato la nuova fase degli affari e dei traffici necessari a fare impresa. Ora che è uscito di scena, quell'indirizzo resta. L'organizzazione mafiosa è abituata a perdere i propri capi; può non avere altri esponenti con la stessa visione strategica, ma certamente continua a seguire le linee tracciate da Messina Denaro: tornare a occuparsi di traffico di stupefacenti e di appalti". 

Foto © Deb Photo

ARTICOLI CORRELATI

De Lucia: ''Con Messina Denaro la mafia non è finita. Ancora fermento nel territorio''

Maurizio de Lucia: ''Matteo Messina Denaro ha goduto di protezioni a più livelli''

Comm. Giustizia al Senato, de Lucia: ''Mancanza di normazione per captatore informatico''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos