"Recentemente mi sono occupata di soggetti già condannati quali appartenenti alla 'Ndrangheta: questo fa comprendere appieno l'inefficacia della sanzione penale, l'incapacità del nostro sistema di attuare il principio costituzionale per la finalità rieducativa della pena. Io ho sempre sostenuto che chi è mafioso lo è sempre. Questo, a proposito delle questioni dibattute in tema di ergastolo ostativo e 41 bis, che vengono oggi messi in discussione". A dirlo è la coordinatrice della Direzione distrettuale antimafia milanese Alessandra Dolci, intervenendo a un convegno organizzato da Libera sulle mafie in Lombardia e nel Nord Italia. 
La magistrata ha poi aggiunto: "Le diverse organizzazioni mafiose non si fanno la guerra. Anzi, proprio perché hanno questa accentuata connotazione economica, ormai il rischio è che creino delle sante alleanze finalizzate a gestire i singoli settori dell'economia e a dividere i proventi". Ed infine ha concluso: "Spesso mi si chiede se sul nostro territorio c'è solo la 'Ndrangheta o se ci sono altre organizzazioni mafiose. A questo risponderemo con le indagini, ma in generale non si fanno la guerra", ha ribadito. Come esempio, Dolci ha poi riportato alcune battute registrate nelle intercettazioni come 'meglio un brutto accordo che una bellissima guerra', o 'la guerra porta solo disgrazie, la pace è buona per tutti'.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos