La Corte di Cassazione ha accolto l'istanza con la quale i difensori di Giancarlo Pittelli, di 69 anni, avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia, avevano chiesto l'annullamento della sentenza con la quale nel luglio scorso il Tribunale della libertà di Catanzaro aveva rigettato l'istanza per la rimessione in libertà del loro assistito, imputato di concorso esterno in associazione mafiosa nel processo "Rinascita Scott" alle cosche di 'Ndrangheta del Vibonese in corso nell'aula bunker di Lamezia Terme.
Pittelli, arrestato e condotto in carcere nel dicembre del 2019 dai carabinieri insieme ad oltre trecento persone nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla Procura antimafia di Catanzaro, è tuttora ai domiciliari. 
La vicenda giudiziaria che coinvolge Pittelli è particolarmente contorta. Una prima istanza di rimessione in libertà presentata dai difensori di Pittelli, gli avvocati Salvatore Staiano, Giandomenico Caiazza e Guido Contestabile, al Tribunale di Vibo Valentia, davanti al quale è in corso il processo nell'aula bunker di Lamezia Terme, fondata sulla mancanza, per l'emissione della misura cautelare, del presupposto dei gravi indizi, era stata dichiarata inammissibile dai giudici. 
I legali di Pittelli si erano quindi rivolti al Tribunale della libertà di Catanzaro, che avevano a loro volta rigettato la richiesta, giudicandola infondata. Da qui la decisione dei difensori di presentare ricorso alla Corte di cassazione, che ha annullato con rinvio la decisione dei giudici di Catanzaro, disponendo che lo stesso collegio si ripronunci sulla richiesta dei legali dell'ex parlamentare. 
Quella odierna, tra l'altro, è la seconda pronuncia della Corte di cassazione favorevole all'avvocato Pittelli. 
Gli stessi giudici della Suprema corte, infatti, nei mesi scorsi avevano annullato, sempre con rinvio, la decisione con cui lo stesso Tribunale del riesame di Catanzaro aveva accolto il ricorso con cui la Procura antimafia di Catanzaro aveva chiesto l'annullamento della pronuncia con cui il Tribunale di Vibo Valentia aveva concesso a Pittelli gli arresti domiciliari ed il ritorno in carcere del penalista. 
Su questo annullamento si attende ancora la nuova decisione dei giudici del riesame, che dovranno pronunciarsi adesso, sulla base di quanto disposto dalla Corte di cassazione, anche sulla richiesta dei difensori di Pittelli di rimessione in libertà del loro assistito. 

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

'Ndrangheta: il Riesame accoglie la richiesta della Dda, Pittelli deve tornare in carcere

Riesame di Catanzaro: ''Pittelli capace di attingere a conoscenze utili alle cosche''

La Dda di Catanzaro chiede la riapplicazione della custodia cautelare per Pittelli

Giancarlo Pittelli chiede aiuto alla ministra Carfagna. Torna in carcere dopo un mese

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy