E' stato arrestato nella città spagnola di Fuengirola, vicino a Malaga, dopo una lunga latitanza, un 53enne originario di Melito di Porto Salvo (Reggio Calabria), ritenuto uno dei più pericolosi ricercati italiani.
L'arresto, spiega il procuratore aggiunto di Firenze, Luca Tescaroli, è maturato grazie alla proficua sinergia investigativa effettuata tra lo Scico della Guardia di Finanza, la Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, il Servizio per la cooperazione internazionale di Polizia- Progetto I -Can (Interpol Cooperation Against 'Ndrangheta), l'Udyco Centrai della Policia National spagnola e le Squadre Mobili di Firenze e Livorno. Al momento dell'arresto, avvenuto nel pomeriggio dell'11 ottobre, era in possesso di documenti falsi. L'uomo è risultato svolgere l'attività di broker per conto della 'Ndrangheta, radicato in Toscana e operativo presso il porto di Livorno. Il 53enne è destinatario di due mandati di arresto Europeo, emessi dall'autorità giudiziaria fiorentina, a seguito di due distinte ordinanze di custodia cautelare, firmate dal gip di Firenze, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, per i reati di associazione per delinquere finalizzata all'importazione di sostanze stupefacenti e di importazione di ingenti quantitativi di cocaina (sono stati sequestrati circa ottocento chilogrammi stipati in container frigo), proveniente dal Sud America, nonché per i reati di fabbricazione di documenti di identificazione validi per l'espatrio falsi, aggravata dalla finalità di commettere altri reati. Simultaneamente, al 53enne gli sono stati notificati due ulteriori mandati di arresto europeo in relazione a un ordine di esecuzione della pena, a seguito di condanna definitiva, per anni 14 e mesi 4 di reclusione inflitti per i reati di traffico illecito di sostanze stupefacenti e concorso in riciclaggio. Risulta, al contempo, essere destinatario di ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip di Catanzaro, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, per il reato di importazione di ingenti quantità di cocaina, provvedimento emesso nel quadro di un coordinamento con quest'ufficio, assicurato con l'ausilio della Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Dalla politica che arretra all'usura che avanza, le sfide dell'Antimafia post Covid

Relazione della Dia: 'Ndrangheta presente in America Latina a fianco dei narcos

Le massomafie e l'evoluzione della 'Ndrangheta secondo Giuseppe Lombardo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy