"A Reggio Emilia il diritto di cronaca è sempre più a rischio". E' l'allarme dei comitati di redazione de il Resto del Carlino, la Gazzetta di Reggio, TeleReggio e Teletricolore, tramite una lettera diramata dall'Associazione Stampa Emilia-Romagna. "I giornalisti della provincia di Reggio Emilia - si legge nella protesta scritta - sono da mesi alle prese con gli effetti del decreto legislativo 8 novembre 2021, n. 88 entrato in vigore il 14 dicembre 2021. Col nobile intento di rafforzare il principio della presunzione d'innocenza, si e' andato configurando come una vera e propria 'legge bavaglio' che comprime fortemente il diritto di cronaca dei giornalisti e quello dei cittadini a essere informati". "L'applicazione della norma varia in modo sensibile tra provincia e provincia del territorio nazionale, creando un'inaccettabile difformità - continua - A mero titolo d'esempio, citiamo alcuni fatti: di una persona condotta in carcere, condannata in via definitiva per gravi reati, non sono state fornite le generalità. Si è giunti al paradosso di garantire la presunzione d'innocenza di una persona condannata in via definitiva. In occasione di incidenti stradali, sempre più spesso, gli operatori di polizia si rifiutano di fornire informazioni, anche di persone decedute, in ragione di presunte disposizioni emanate dalla magistratura di cui chiediamo conto. E ancora di un grave episodio di violenza sessuale, non è stata fornita alcuna comunicazione e soltanto la perseveranza dei cronisti ha consentito di informare i cittadini di quanto fosse accaduto (nel pieno rispetto dell'anonimato della vittima e della presunzione d'innocenza dell'indagato)". Infine i giornalisti ricordano come "la provincia di Reggio Emilia, come dimostrato dal processo Aemilia, sia l'epicentro di una 'locale' di ‘Ndrangheta. Il bavaglio che sta calando sulla cronaca è un campanello d'allarme, palesa il rischio che temi come quello della mafia, tornino ad essere avvolti dal silenzio, avvantaggiando gli interessi delle consorterie criminali. A tal proposito, il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri, magistrato simbolo della lotta alla ‘Ndrangheta, a proposito della legge bavaglio ha parlato chiaramente di 'involuzione democratica'. L'auspicio è che le istituzioni preposte ad applicare la norma, sappiano bilanciare adeguatamente il diritto alla presunzione d'innocenza con gli altri diritti costituzionalmente garantiti e altrettanto meritori di attenzione. Cosa che al momento non pare stia accadendo in modo puntuale, almeno a Reggio Emilia".

ARTICOLI CORRELATI

Gratteri sugli effetti della Legge bavaglio: ''Mafie useranno il silenzio per crescere''
Di Giorgio Bongiovanni e Luca Grossi

Il Csm, acritico e silente, approva il parere sulla legge bavaglio

Di Matteo: ''Guardando certe riforme ho il timore che si realizzi il papello di Riina''

Circolare di Lo Voi per limitare i comunicati stampa degli organi inquirenti

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy