Ilaria Cucchi: "Questa sentenza è la nostra vita"

La versione sulla morte di Stefano Cucchi venne "confezionata" dai Carabinieri escludendo "ogni possibile coinvolgimento dei militari" così che "l'immagine e la carriera dei vertici territoriali e, in particolare, del comandante del Gruppo Roma, Alessandro Casarsa, non fosse minata". È questa la pesante accusa che il tribunale di Roma mette nero su bianco nelle corpose motivazioni alla sentenza con cui, nell'aprile scorso, sono stati condannati 8 militari dell'Arma per i depistaggi messi in atto dopo il decesso del trentenne romano, avvenuto nell'ottobre del 2009, a sette giorni dall'arresto. Il giudice monocratico ha inflitto, tra gli altri, 5 anni al generale Casarsa e 1 anno e 3 mesi al colonnello Lorenzo Sabatino. Agli imputati, a seconda delle posizioni, si contestavano i reati di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia. In particolare il giudice, dopo una camera di consiglio di otto ore, condannò a 4 anni, Francesco Cavallo e Luciano Soligo, a un anno e 9 mesi Tiziano Testarmata, a 2 anni e 6 mesi Luca De Cianni. Infine a Francesco Di Sano furono inflitti 1 anno e 3 mesi e a Massimiliano Colombo Labriola 1 anno e 9 mesi. Nel documento il magistrato scrive che "l'ampia istruttoria dibattimentale ha permesso di ricostruire i fatti contestati e di accertare un'attività di sviamento posta in essere nell'immediatezza della morte di Cucchi, volta ad allontanare i sospetti che ricadevano sui carabinieri per evitare le possibili ricadute sul vertice di comando del territorio capitolino". E ancora: "Le ulteriori condotte realizzate nel 2015, nel contesto delle nuove indagini della Procura della Repubblica di Roma" sono state "finalizzate a celare quelle di falso risalenti al 2009 considerata la qualità dei protagonisti e dei rapporti tra alcuni di loro, e che i fatti risalenti al 2018, nel corso del dibattimento del cosiddetto Cucchi bis, avessero lo scopo di svilire la credibilità di Riccardo Casamassima, teste rilevante per l'ipotesi accusatoria". Secondo il giudice, quindi, "allontanando i sospetti dai carabinieri non poteva di certo mettersi in discussione l'azione di comando da parte del vertice del Comando Gruppo Carabinieri Roma la cui figura rischiava di essere quanto meno indebolita dalla vicenda". Parlando delle note di servizio modificate, il tribunale sostiene che "tutti gli imputati avevano la consapevolezza che attraverso le condotte da ciascuno poste in essere, si giungeva alla modifica e all'alterazione del contenuto delle annotazioni, consentendo così di rappresentare un Cucchi che stava male di suo, perché molto magro, tossicodipendente, epilettico". Parlando di Casarsa, il più alto in grado tra gli imputati, il giudice afferma che la condanna si giustifica con "il disvalore del fatto delittuoso e la lesione al bene della fede pubblica, ai riflessi che ha avuto nella reale ricostruzione della vicenda, il danno arrecato all'Arma dei carabinieri, alla personalità dell'imputato che, a dispetto del giuramento prestato e della sua qualità di ufficiale dei carabinieri, con il ruolo di Comandante del Gruppo Carabinieri Roma, ha concepito e determinato le condotte di falso, dell'intensità del dolo che emerge da quanto accertato". Da ribadire, infine, che la Procura nel corso del processo e in particolare nel corso della requisitoria ha più volte ribadito che "non è stato un processo ai Carabinieri e bisogna evitare qualsiasi strumentalizzazione. Sia per ragioni formali che sostanziali: il ministero della Difesa si è costituto parte civile, gli atti più importanti - ha detto nel corso della requisitoria il pm Giovanni Musarò - sono stati forniti dal reparto operativo e nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri".

La parole di Ilaria Cucchi
"Questa sentenza è la storia della nostra vita, in 13 anni ci sono stati momenti difficili ma non ci siamo mai arresi e oggi la verità è scritta nero su bianco". Così Ilaria Cucchi dopo il deposito delle motivazioni della sentenza. "Sono immensamente grata a tutti coloro che sono stati accanto a noi in questi 13 anni, a partire dall'avvocato Fabio Anselmo, dal professor Vittorio Fineschi, il pm Giovanni Musarò, non voglio dimenticare nessuno e ringrazio tutti. Credo che questa sentenza - ha sottolineato - possa aprire la strada a tanti altri Stefano che rischiano di non avere giustizia. In questo momento il mio pensiero va a lui e voglio dirgli 'fratello mio, è stata dura ma ce l'abbiamo fatta'". "Questa è una sentenza molto importante. Dopo 13 anni, 160 udienze e tutta questa vita vissuta, siamo riusciti a far emergere la verità e le tesi del pm Giovanni Musarò e quelle nostre sono state provate e riconosciute in una sentenza che ora deve mettere a tacere tutti, inclusi quei politici avvoltoi", ha detto all'Adnkronos l'avvocato Fabio Anselmo, legale di parte civile di Ilaria. "E' un momento emozionante, dopo tanto lavoro e tanti sacrifici fatti dalla famiglia Cucchi, dopo il dolore che hanno vissuto, siamo riusciti a far emerge la verità. L''anima nera' è stata riconosciuta dal giudice", ha concluso.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ilaria Cucchi: ''Carabiniere condannato premiato al Coni. Malagò, come lo ha permesso?'' 

Caso Cucchi, motivazioni della Cassazione: ''Pestaggio causa primigenia della morte'' 

Depistaggio caso Cucchi, condannati gli otto carabinieri

Ilaria Cucchi: ''Non lo so come mi sento ma è finita'' 

La Cassazione conferma: Stefano Cucchi è stato ucciso di botte

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy