Il consigliere togato: "La verità storica interessa a pochi sul piano istituzionale"

"Il patto tra mafia e affari e politica" non si può debellare con "un intervento 'esterno', come quello di una indagine giudiziaria, per sua natura frammentaria, occasionale e riferibile solo ad una frazione di soggetti che tengono lo stesso genere di condotte. Chi pensa questo si illude, sopravvaluta la possibilità di intervento della giustizia ed è destinato a rimanere deluso. La possibilità di andare incontro ai rigori della legge è un possibile deterrente. Ma chi ambisce al potere deviato è disposto ad andare anche incontro alla morte pur di poterlo esercitare. E dunque i rimedi devono partire dall’interno della società". Sono state queste le parole del consigliere togato al Csm Sebastiano Ardita in un’intervista rilasciata a Rosario Sorace per 'Clessidra 2021'.

Questi rimedi non possono essere limitati alla sola verità giudiziaria. Poiché quest'ultima "non può coincidere con quella storica perché nella prima l’ambito di conoscenza è per forza di cose ristretto a ciò che è penalmente rilevante e non è prescritto o improcedibile. Inoltre sembra perdere peso specifico col passare del tempo a causa di una sorta di assuefazione alle condotte illegali". "La verità storica interessa a pochi sul piano istituzionale e gli storici o gli amanti della verità storica sono diventati troppo pochi, per non dire che stanno scomparendo".

Tale assuefazione può essere combattuta facendo memoria, soprattutto ricordando i tanti giudici uccisi dal terrorismo e dalle mafie, come Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nel 1992. Un anno, questo, descritto da Ardita come "scenario di guerra".

"La loro memoria - ha detto il magistrato - potrebbe rinvigorire la vocazione al bene pubblico. Per questo la loro memoria a volte viene abusata da chi vorrebbe apertamente accostarsi alla loro integrità senza esserne degno, e spesso detesta e combatte chi si impegna a proseguire nei fatti quella memoria".

Durante l'intervista il consigliere togato si è accostato anche al discorso delle riforme, in particolare della giustizia: "La stella polare di ogni riforma dovrebbe essere l’interesse dei cittadini ed il bene della democrazia, così come lo è per il corretto esercizio di ogni funzione pubblica. L’indipendenza e l’autonomia esercitate dai magistrati in questa precisa ed unica direzione – ed avvertite come tali dai cittadini – ci metteranno al riparo da riforme ingiuste".

Rispondendo alle domande di Rosario Sorace sullo 'scontro' tra giustizialisti e garantisti, il consigliere togato ha spiegato che si tratta di un "falso tema: in uno stato democratico nessuna persona intelligente e in buona fede può prescindere dalle garanzie individuali dei cittadini; con la stessa attenzione bisogna evitare che un garantismo strumentale si spinga fino ad impedire che la giustizia funzioni, cancellandone ogni effetto pure dinanzi alla accertata responsabilità. È il punto di equilibrio tra sicurezza e libertà che rende credibili le democrazie".

Il tema della sicurezza e della libertà non posso essere distaccati da quello sulle carceri e della loro amministrazione. Se questo tema viene trascurato "amplifica tutti i disagi, le diseguaglianze e le ingiustizie presenti nella società libera. Per questo lo Stato deve essere sempre in grado di intervenire in questo mondo con attenzione e solerzia, per impedire che ulteriori mali si realizzino. Bisogna aiutare i detenuti e difenderli dalle loro grandi avversità e dalla incombenza delle gerarchie criminali di altri detenuti".
(Prima pubblicazione: 20 settembre 2022)

Fonte: clessidra2021.it

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Sebastiano Ardita: mafie 'Al di sopra della legge' nelle carceri senza Stato

Di Matteo: ''La politica ha tradito l'operato di Giovanni Falcone''

Carceri: Stato assente e mafia imperante mentre i più deboli continuano a morire

Rivolte carceri 2020, Ardita: ''Fuori per sempre gli incompetenti dal governo del Dap''

Sebastiano Ardita: ''Inaccettabile che lo Stato coabiti con la mafia''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy