Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La merce forse proveniva dalla Colombia e ha un valore di circa 60 milioni di dollari

La polizia argentina ha sequestrato nella città di Rosario 1,6 tonnellate di cocaina. La droga era nascosta all'interno di sacchi di mangime per animali destinati a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Nell'operazione sono state arrestate 12 persone. "Si tratta di 1.658 chili di cocaina per un valore approssimativo di 60 milioni di dollari" ha dichiarato il capo della soprintendenza antidroga federale, Mariano Giuffra, il quale ha aggiunto che gli arresti sono stati eseguiti in vari luoghi del Paese e le persone ammanettate sono tutte di nazionalità argentina, alcune con precedenti per narcotraffico. Sono state sequestrate armi da fuoco, veicoli di lusso, contanti e documenti che rivelerebbero connessioni internazionali. La polizia ha affermato che la droga "potrebbe provenire dalla Colombia" e che un quantitativo di 50 chili era stato accantonato per il "microtraffico" a Rosario. L'operazione è stata finalizzata dopo sei mesi di indagini. Rosario, un milione e mezzo di abitanti, è la città più violenta dell'Argentina: tra gennaio e luglio scorso si sono contati 168 omicidi, un terzo in più rispetto allo stesso periodo del 2021, con un indice di omicidi per abitanti tre volte più alto della media nazionale.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Rosario: la città Argentina della violenza

Argentina. Orrore narco a Rosario: assassinata una coppia e la loro bambina

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy