Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un uomo presentato come giornalista è stato assassinato lunedì in Messico, dove dall'inizio dell'anno sono stati uccisi una decina di fotografi, informatori o commentatori della vita locale che denunciavano la collusione di politici con la criminalità organizzata. Fredid Roman è stato ucciso a colpi di arma da fuoco a Chilpancingo, nello stato di Guerrero (sud-ovest), ha dichiarato la procura locale annunciando l'apertura di un'indagine. Poche ore prima del suo assassinio, Roman aveva pubblicato su Facebook un testo intitolato "Criminalità di Stato senza incriminare il capo", che tratta del recente rapporto del governo che descrive come un "crimine di stato" la scomparsa di 43 studenti di Ayotzinapa (Guerrero) nel settembre 2014. 
Citando un "testimone protetto", Roman nel testo fa riferimento a un presunto incontro tra quattro funzionari di allora, tra cui l'ex procuratore generale Jesus Murillo Karam, in custodia cautelare da quando il rapporto è stato pubblicato la scorsa settimana, e l'ex-governatore di Guerrero. Cita anche l'allora capo della polizia federale a Guerrero, Omar Garcia Harfurch, attuale capo della polizia a Città del Messico e un fuggitivo in Israele per cui il Messico sta chiedendo l'estradizione. Dodici giornalisti sono stati uccisi in Messico dall'inizio dell'anno, secondo il governo. L'ONG Reporters senza frontiere (RSF) ne elenca solo nove. I media hanno proposto la cifra di 15 o sedici.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy