Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sarà l’attrice italiana di origine britanniche Sarah Frances Rose Felberbaum a interpretare Tina Anselmi nel film tv annunciato da Rai Fiction “Tina, partigiana della democrazia” (titolo provvisorio).
Le prime riprese dovrebbero iniziare verso settembre a Castelfranco Veneto (città natale della ministra partigiana).
Il progetto era in cantiere da quattro anni, da quando cioè era arrivata la proposta all’allora vertice di Rai Fiction Eleonora Andretta. Ma nonostante i primi investimenti, le bozze di sceneggiatura e l’individuazione di un produttore, il progetto sembrava destinato a perdersi, anche per lo scoppio della pandemia.

Poi la svolta: anche grazie alla presenza costante dell’opinione pubblica, lo scorso febbraio, l’attuale presidente di Rai Fiction, Maria Pia Ammirati, aveva dato l’annuncio che il consiglio di amministrazione di viale Mazzini aveva approvato all’unanimità la realizzazione del tanto atteso film.

Partendo dalla giovinezza a Castelfranco, il film racconterà l’impegno politico di Tina Anselmi (il primo ministro donna della Repubblica italiana) a partire dalla staffetta partigiana, dalle lotte sindacali, al suo incarico di ministro prima al lavoro e alla previdenza sociale, poi alla Sanità, fino al 1984 con la conclusione dei lavori della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla Loggia massonica P2 di Licio Gelli, commissione di cui lei era presidente.

La figura di Tina Anselmi è trattata da Anna Vinci, scrittrice, letterata e biografa personale di Tina, che si è ispirata per la trama alle sue opere “Tina Anselmi. Storia di una passione politica” e “La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi”.

La produzione è stata messa nelle mani di ‘Bibi Film’ di Angelo Barbagallo, conosciuto per aver già lavorato per la serie “Di padre in figlia” con Cristina Capotondi, mentre la sceneggiatura è curata e firmata da Monica Zappelli, una delle penne più apprezzate del cinema italiano.

Ricordiamo che aveva già ricevuto il David di Donatello nel 2000 per “I cento Passi” e che è già stata autrice di molte serie tv: “Karol: un uomo diventa papa” (2005); “Maria Montessori: una vita per i bambini” (2007); “Enrico Mattei: l’uomo che guardava il futuro” (2009) al film “Rita Levi-Montalcini” (2020).

Rielaborazione grafica by Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Anna Vinci, il racconto che diventa storia di vita
di Giorgio Bongiovanni

Tina Anselmi, un film per raccontare la partigiana della democrazia

Grazie Tina - di Anna Vinci

La fine di Gelli, le parole di verità di Tina Anselmi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy