Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il gip di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Pasquale D'Angelo ha disposto il rinvio a giudizio per 105 imputati per le violenze sui detenuti nel carcere sammaritano avvenute ad aprile 2020. E' stata così accolta la richiesta presentata lo scorso 26 aprile dal pm Alessandro Milita di rinviare a giudizio 105 imputati tra appartenenti al corpo della Polizia penitenziaria e funzionari dell'amministrazione penitenziaria. La Procura sammaritana non aveva chiesto il rinvio a giudizio per uno solo dei 108 imputati dell'udienza preliminare, che ha dimostrato di non essere presente all'interno del carcere nel giorno delle violenze, mentre altri due imputati hanno chiesto e ottenuto il rito abbreviato, che sarà celebrato il 25 ottobre. I reati ipotizzati dalla Procura sono, a vario titolo, tortura, lesioni, violenza privata, abuso di autorità e, per 12 imputati, l'omicidio colposo per la morte di un detenuto alcuni giorni dopo le violenze. La prima udienza sarà celebrata il 7 novembre davanti alla Corte d'Assise di Santa Maria Capua Vetere. L'inchiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere, culminata il 28 giugno 2021 con l'esecuzione di 52 misure cautelari, è stata avviata a seguito delle segnalazioni di violenze avvenute all'interno del carcere nel giorno successivo a una protesta dei detenuti dopo l'emersione di alcuni casi di positività al Covid-19. Tra i primi a depositare una denuncia è stato l'avvocato Carmine D'Onofrio, che nel processo difende tre detenuti. Lo stesso caso è stato sollevato anche dal garante dei detenuti della Campania, Samuele Ciambriello, che si è costituito parte civile nell'udienza preliminare. Nei giorni seguenti l'esecuzione delle misure cautelari hanno trovato ampia diffusione sui media le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza all'interno del carcere, nelle quali si vedono numerosi episodi di violenza ai danni dei detenuti.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy