Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"A tutti coloro che in questi anni hanno infangato la memoria di Attilio, dico chiaramente che per tutti gli elementi già in possesso delle procure, della Commissione Antimafia e dell'opinione pubblica, qui si sta parlando di un omicidio che ad oggi e' rimasto impunito e non possiamo smettere di continuare il nostro lavoro". Così nei giorni scorsi ha affermato all'AGI la parlamentare del M5S, Giulia Sarti, componente della Commissione Antimafia (e prima firmataria della relazione di minoranza sulla morte di Attilio Manca nella scorsa legislatura), in merito alla notizia su un'intercettazione del 2003. Nell'intercettazione ambientale, sei o sette uomini per varie volte, avrebbero ripetuto la loro condanna a morte, senza tuttavia pronunciarne mai il nome, affermando che al medico "andava fatta una doccia", ovvero doveva essere eliminato.

"Questa intercettazione risalente al 2003 - ha detto la Sarti -, insieme alle dichiarazioni dei numerosi collaboratori di giustizia e al fatto che Monica Mileti è stata assolta in Appello per non aver commesso il fatto (la cessione di droga), dimostra ancor di più quanto sia necessario continuare a pretendere la verità sulla morte di Attilio Manca". "In commissione antimafia, nel 2018, come M5S avevamo posto le basi con la nostra relazione di minoranza, per affermare con chiarezza che sulla morte dell'urologo c'erano state troppe omissioni e lacune nelle indagini condotte dalla procura di Viterbo. In questa legislatura, il lavoro sta andando avanti grazie alle colleghe Piera Aiello e Stefania Ascari. Noi continueremo a dare tutto il contributo possibile ma spero davvero che possano essere riaperte le indagini da parte della magistratura. Ringrazio i giornalisti Tobias Follet e Antonella Beccaria per il loro prezioso lavoro di inchiesta”, ha concluso l’onorevole Giulia Sarti.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Manca, la madre di Attilio: ''Spero che nessuno questa volta ci neghi la verità’'

Caso Manca: ''Fate la doccia al dottore'', gli uomini di Provenzano ordinarono la morte di un medico
di Tobias Follett e Antonella Beccaria

Caso Manca, Fabio Repici: ''Entro un mese chiederemo riapertura inchiesta''

D'Amico: ''Attilio Manca ucciso dai Servizi segreti''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy