Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il tribunale monocratico di Roma ha condannato i quattro appartenenti alla famiglia Casamonica che l'8 maggio del 2018 aggredirono il giornalista Nello Trocchia, l'operatore della Rai Giacomo De Buono e Micaela Farrocco de La7. Nei confronti degli imputati i pm di piazzale Clodio contestavano violenza privata e la resistenza a pubblico ufficiale. Il Sindacato unitario giornalisti della Campania (Sugc) si è costituito parte civile nel procedimento garantendo la tutela legale del giornalista, rappresentato in giudizio dall'avvocato Giancarlo Visone. Il tribunale ha disposto anche un risarcimento e una provvisionale immediatamente esecutiva in favore del sindacato. "Questa sentenza rappresenta un segnale importante per la tutela della libertà di informare - afferma il segretario del Sugc, Claudio Silvestri -. I dati forniti dal Viminale sulle minacce ai cronisti sono molto preoccupanti. Sono anni che chiediamo di intervenire a livello legislativo, prevedendo di inserire nel nostro ordinamento una aggravante per chi minaccia o aggredisce un giornalista per metterlo a tacere".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy