Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Tribunale di Catanzaro, accogliendo la richiesta della direzione distrettuale antimafia diretta dal procuratore Nicola Gratteri, ha fatto sequestrare beni per 1,3 milioni di euro al narcotrafficante internazionale Francesco Ventrici, di origine vibonese e da tempo residente nella città felsinea. Si tratta di un soggetto coinvolto in diversi procedimenti penali per l'importazione di ingenti quantità di stupefacenti dal nord America ed attualmente in carcere per una condanna fino al 2045. Verificando la sproporzione evidente tra le fonti di reddito ed il patrimonio accumulato dal soggetto, i finanzieri del capoluogo calabrese e quelli di Bologna hanno sottoposto a vincolo patrimoniale un terreno in provincia di Vibo Valentia e 2 fabbricati di pregio in provincia di Bologna. Lo stesso provvedimento era stato già chiesto nel 2014 dall'autorità giudiziaria di Bologna ma annullato dalla Cassazione che aveva sancito la competenza nel merito della Procura catanzarese.

Fonte: LaPresse

Foto © Roberto Pisana

ARTICOLI CORRELATI

Gratteri: ''Rassegnazione è linfa per le mafie e massonerie deviate''

Gratteri: ''Separazione delle carriere? Pregiudizievole e incostituzionale''

Nicola Gratteri vincitore del premio Omnia è Green Awards 2022

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy