Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Ritinteggiata la celebre scritta sul casolare dalla quale venne azionato l’ordigno della strage di Capaci

La Democrazia è il potere di un popolo informato”; “Noi siamo Capaci”; “Uniti contro la mafia”. Sono solo alcuni dei tanti slogan scritti sugli striscioni che oggi pomeriggio hanno marciato grazie a centinaia di studenti, studentesse e scout. Un lungo corteo organizzato da AddioPizzo - con il patrocinio del Comune di Capaci e di Isola delle Femmine - intitolato “Coloriamo i nostri sogni” partito da Via degli Oleandri, Capaci, e conclusosi alla “Casina No Mafia”, luogo da cui il 23 maggio 1992 il convoglio di fuoco di Cosa nostra fece azionò l’esplosivo nascosto sotto l’autostrada che portò alla morte di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro. A metà corteo un breve raduno di memoria al “Giardino Quarto Savona Quindici”, nei pressi del cratere che si creò 30 anni fa con la strage e che oggi porta il nome dell’auto di scorta che quel giorno portava il giudice Giovanni Falcone.


stele capaci deb photo


Chi atterra all’aeroporto di Palermo, oggi intitolato proprio a Falcone e Borsellino, per raggiungere la città, non può fare a meno che ammirare, sulla sinistra, la bellezza del mare siciliano. Sulla destra invece, campeggia una scritta, NO MAFIA, illuminata anche di notte - ha detto Dario Riccobono, portavoce di Addiopizzo Travel, cooperativa sociale e tour operator che prende le mosse da una delle più rivoluzionarie risposte alla criminalità organizzata -. Quel luogo è diventato simbolo di resistenza alla mafia e di riscatto, cartolina di una Sicilia che resiste e che si vuole mostrare, ad esempio, ai tanti viaggiatori che decidono di scoprire la Sicilia”.


bimba corteo capaci deb photo


Ebbene oggi, il corteo è terminato proprio lì: in quella “casina” sulla collina. È stato un pellegrinaggio laico, una salita faticosa, che ricorda la difficoltà della memoria e dell’impegno quotidiano, grazie a cui avviene la metamorfosi e il superamento della cultura della violenza e della morte portata dalla mafia.


corteo capaci no mafia deb photo


A colorare il tutto sono stati i giovani provenienti da Sassuolo, Torino, Bologna, Palermo, ma anche dall’estero come Svizzera e Germania. Insomma, centinaia di giovani accompagnati dai docenti e dai capiscout che hanno voluto celebrare la memoria di una strage dietro la quale mancano ancora tante verità.

stele capaci deb photo

E per farlo hanno voluto sottolineare - riverniciandola - una frase icastica: “No Mafia”. “Sette lettere diventate simbolo di resistenza e riscatto - si legge sulla pagina di Addiopizzo Travel -. ’N’, sta per natura e ambiente; ‘O’ per occupazione e lavoro; ‘M’ di magistratura; ‘A’ di arte e cultura; ‘F’ per fotografia; ‘I’ per informazione; e infine ‘A’ per arte e spettacolo”. Insomma, un modo diverso di promuovere i valori di legalità e giustizia, ma non per questo meno efficace. Anzi, come hanno dimostrato i giovani in corteo oggi, forse il primo modo per contrastare la mafia è colorare i propri sogni.
 
Foto © Deb Photo  

ARTICOLI CORRELATI

Francesca Morvillo: il valore di una Donna magistrato

Stragi del '92-'93: i mandanti esterni e quei 'pupari' del Potere rimasti impuniti

Falcone spiato dagli apparati dello Stato

''Uccisi, Traditi, Dimenticati'' - Palermo, 23 maggio

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy