Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nell'ambito delle indagini seguite all'assassinio del pm paraguaiano Marcelo Pecci su un'isola al largo di Cartagena de Indias, la polizia della Colombia ha annunciato la cattura di 17 persone di varie nazionalità coinvolte in narcotraffico e riciclaggio di denaro, fra cui il pilota colombiano Diego Mauricio Blanco, al servizio del Clan Rocha del Brasile e due italiani, identificati come Roberto Amoruso, arrestato a Medellin, e Dega Kliton, catturato a Bogotà. In un video il generale Jorge Vargas ha confermato le catture "con fini di estradizione", in coordinamento con Interpol e Europol, riguardanti 14 colombiani, due italiani, un dominicano, un albanese ed un olandese. L'alto ufficiale ha sostenuto che si tratta di persone coinvolte nell'invio di cocaina in vari Paesi nascosta, fra l'altro, all'interno di alimenti, strumenti farmaceutici e materiali di costruzione. Le persone catturate, ha aggiunto, "fanno parte di organizzazioni come Los Bruno del Perù, il Clan Rocha del Brasile che ha legami con il Primer Comando Capital (Pcc) brasiliano, la 'Ndrangheta italiana e reti di narcotrafficanti di Olanda e Repubblica Dominicana".

Foto:
it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

La violenza dei narcos non si ferma: attentato al sindaco paraguaiano di Pedro Juan Caballero

Omicidio Pecci, il punto sulle indagini con l'ex magistrato Jorge Figueredo

Caso Marcelo Pecci, la 'Ndrangheta dietro l'omicidio?

Assassinato il pm Pecci in Colombia

Omicidio Pecci, Ingroia; ''Conosco l'efferatezza dei narcos, come mai non era protetto?''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy