Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Aveva settantasei anni ed è morto nel carcere di Opera Alfio Laudani, boss mafioso catanese dei 'Mussi i ficuirinia', che stava scontando diverse condanne all'ergastolo. Fu protagonista della guerra di mafia con il clan Cappello tra gli anni ottanta e novanta, quando i Laudani erano divenuti il braccio armato della cosca Santapaola. Figlio del patriarca Sebastiano "Iano" morto a 91 anni, assieme ai suoi fratelli Gaetano e Santo, tutti e due uccisi in agguati di mafia, Alfio fu a capo dell'espansione del clan in tutta la provincia catanese, con la propria roccaforte nella macelleria di famiglia nel quartiere catanese di Canalicchio. Lì, al suo interno nel 1990 venne assassinato uno dei fratelli. Alle falde dell'Etna, l'impero mafioso dei Laudani si è radicato negli ultimi decenni. Il nome di Alfio Laudani salì agli onori della cronaca con il pentimento di Pippo Di Giacomo, il mandante dell'omicidio dell'avvocato Serafino Famà. Fu il collaboratore di giustizia a indicarlo al vertice del clan, rivelando che molti delitti portavano la sua firma.

Fonte: Agi

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Guerra di mafia a Catania, luce su cinque omicidi degli anni '90

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy