Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Oggi sono soprattutto le donne, c'è una rivoluzione di donne che vogliono rompere con quei codici, sono stanche. Sono un centinaio. E' una rivoluzione positiva del nostro Paese". Sono state queste le parole pronunciate a Termoli da don Luigi Ciotti, fondatore di Libera a Termoli, dove è arrivato nel pomeriggio per prendere parte alla presentazione del libro di Don Benito Giorgetta "Passiamo all'altra riva". "È possibile anche rompere dentro. In questo momento stiamo accompagnando, in grande silenzio, queste donne. Stiamo facendo una battaglia perché ci sia qualche riforma nel Paese perché non sono collaboratrici in senso stretto - ha proseguito Don Ciotti -, non sono testimoni. Sono persone che si ribellano a quei codici, a quelle famiglie, lo fanno per amore viscerale verso i figli. Lo fanno perché non è vita. Lo fanno perché hanno visto che altri lo hanno fatto. Diventa un esempio: è possibile. E allora, è importante trovare altri strumenti, altre modalità per allargare e per offrire di più la possibilità. In questi ultimi anni il numero delle persone che fanno questo si è fortemente allargato con molti rischi. Stiamo chiedendo qualche intervento per favorire tutto questo. Ci vuole una volontà politica seria e attenta. Si potrà voltare pagina contro queste organizzazioni criminali". Don Ciotti, nel corso del suo lungo intervento, ha parlato anche dei minori. "La giustizia minorile: sono ragazzi che hanno sbagliato, devono rispondere ma sono ragazzi. Questo percorso riguarda centinaia di ragazzi in questo Paese, senza chiasso, senza tanto rumore. C'è una storia di fermento positivo in questo momento" ha detto il religioso. "Oggi più che mai dobbiamo unire la forza degli onesti - ha concluso il fondatore di Libera - per diventare una forza etica-sociale, culturale, anche politica nel senso dell'impegno per il bene comune. È il 'Noi' che vince. I navigatori solitari sono ripiegati su se stessi. Oggi c'è tanto individualismo. La mafia è un problema serio, c'è la globalizzazione. Allora anche la società civile, quella responsabile, attenta deve globalizzarsi. Ecco perché 'Libera' è in tutta Europa e anche in America Latina da dove sono arrivato oggi".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Don Ciotti lancia un appello ai mafiosi: ''Abbiate il coraggio di fare emergere la verità''

Papa Francesco e la lotta alla mafia
di Giorgio Bongiovanni

Papa Francesco ai mafiosi: “convertitevi!”
di Lorenzo Baldo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy