Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nuova incursione vandalica contro il Centro Padre nostro di Brancaccio, a Palermo. Quindici giorni dopo l'irruzione nel centro di accoglienza di via San Ciro e un mese dopo il danneggiamento della foto installata in piazzetta Beato Giuseppe Puglisi che ritrae il giorno della visita di Papa Francesco e dell'arcivescovo Corrado Lorefice nella casa del sacerdote ucciso dalla Mafia, nella notte tra sabato e domenica sono stati vandalizzare quattro pannelli: foto che compongono la mostra di quella storica visita in occasione del XXV anniversario del martirio. Sul posto, per i rilievi, i carabinieri. "Si continua a leggere in questi atti - affermano dal centro - un'insofferenza, un senso di ripugnanza in quello che il Centro di accoglienza Padre Nostro rappresenta: legalità e giustizia, evangelizzazione e promozione umana". Un appello viene lanciato al prefetto "affinché faccia installare delle telecamere di videosorveglianza a piazzetta Beato Padre Pino Puglisi, luogo di prima accoglienza di quel museo diffuso che rappresenta la casa dove visse e morì per mano mafiosa il parroco di Brancaccio".

Foto © Paolo Bassani

ARTICOLI CORRELATI

Don Pino Puglisi, il prete che sorrideva ai suoi assassini

Vandalizzato nella notte il 'Centro Padre Nostro' fondato da don Pino Puglisi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy