Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I finanzieri dei Comandi provinciali di Napoli e Salerno hanno eseguito, tra le province di Pistoia, Pisa, Roma, Milano, Novara, Salerno e Varese, un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli nei confronti di 11 persone, di cui 9 gravemente indiziate di appartenere all'associazione per delinquere transnazionale finalizzata al traffico, detenzione e commercializzazione di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti. Nella circostanza, i gip di Busto Arsizio, Novara e Pistoia, territorialmente competenti in relazione ai luoghi in cui è stato eseguito il fermo, hanno emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, dichiarando contestualmente la propria incompetenza territoriale in favore dell'autorità giudiziaria partenopea. Le indagini condotte dal Gico della Guardia di Finanza di Napoli e coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli sono scaturite a seguito dei sequestri di oltre 17 tonnellate di hashish e anfetamine eseguiti nel porto di Salerno nel giugno 2020 e hanno permesso di scoprire un'associazione di trafficanti di droga attiva tra l'Albania e la Toscana, composta da cittadini italiani e albanesi, in grado di approvvigionarsi di ingenti quantitativi di cocaina e hashish provenienti rispettivamente dal Sudamerica e dal Nordafrica.
Inoltre dalle attività di indagine è emerso l'utilizzo, da parte degli indagati, di una fitta rete di contatti tenuti anche grazie a telefoni cellulari criptati, e l'esistenza di un "sottogruppo", di cui alcuni componenti dimoravano in Svizzera, deputato alle attività logistiche di supporto al traffico illecito di droga. La persona al vertice di questo "sottogruppo" elvetico, secondo quanto ricostruito dalle indagini, è stata anche vittima di estorsioni da parte di altri consociati che, in relazione a "commesse" non andate a buon fine, hanno chiesto la restituzione delle somme anticipate attraverso minacce a lui e ai suoi familiari. Le indagini sono state condotte nell'ambito di una stretta collaborazione giudiziaria internazionale con l'autorità giudiziaria elvetica (Ministero pubblico della Confederazione svizzera e la Polizia giudiziaria Federale - Divisione criminalità economica di Lugano).

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy