Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Le mafie hanno cambiato un po' la loro forma. C'è meno sangue, ma fanno acquisti sulla faccia del pianeta". Don Luigi Ciotti - una vita contro le mafie al servizio degli emarginati - è il protagonista della nuova puntata di ConverseRai, il programma sull'inclusione di Rai per il Sociale, che sarà disponibile su RaiPlay dal 29 ottobre. Il fondatore del Gruppo Abele e di Libera affronterà le sfide del nostro tempo. A partire dalla lotta alla mafia: "Oggi le mafie sono silenziose - dice don Ciotti - ma sono ancora più ricche e più forti, soprattutto globalizzate. La confisca dei beni ai mafiosi è stata uno schiaffo alle organizzazioni criminali, violento ma non conclusivo". La lotta alle mafie è un impegno costante: "Tocca a ognuno di noi impegnarci a moltiplicare le coscienze e la consapevolezza della gente - è l'appello di don Ciotti - e alzare la voce quando in molti preferiscono il prudente silenzio". Tra le protagoniste della lotta alla mafia ci sono anche le donne: cresce il numero di quelle che dicono "basta" e don Luigi Ciotti ha ascoltato e accolto molte di loro per aiutarle a ricostruirsi una vita. Secondo il Rapporto Ecomafia, nel 2019 sono aumentati i reati contro l'ambiente: una media di quattro crimini ogni ora. Le ecomafie sono attive in molte filiere: cemento, rifiuti, animali, energie rinnovabili. "Bisogna far crescere la consapevolezza e la responsabilità delle persone - racconta don Ciotti a ConverseRai - devono prendere coscienza che dobbiamo tutelare il nostro ambiente. Occuparci del benessere degli altri, vuol dire occuparci anche del proprio benessere".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy