Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Azione civile sostiene la coalizione che candida Luigi de Magistris governatore della Calabria. A maggior ragione dopo la condanna pesante e incredibile di Mimmo Lucano. Se la sentenza d’appello del processo Trattativa Stato-mafia ci dice, pericolosamente, che le istituzioni possono trattare con Cosa nostra, anche a costo di mettere in pericolo il Paese e di causare altre stragi, perché il fatto costituisce reato solo per i mafiosi e non per gli uomini di Stato, la sentenza di primo grado del processo Lucano sembra dirci che un sindaco disgraziato di un piccolo paese del profondo Sud non può permettersi di aiutare chi ha bisogno di sopravvivere.
Questo messaggio è un oltraggio alla memoria di Becky Moses, ragazza di 26 anni morta in un rogo a Rosarno, ragazza che Lucano aveva provato ad aiutare.
Ricordo che Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa ha scontato una pena di sette anni, Silvio Berlusconi quattro per frode fiscale. Ora a Lucano si infliggono, in primo grado, 13 anni di carcere (e 700mila euro da pagare) raddoppiando addirittura la richiesta di pena dei pm. Sembra di esser ritornati negli anni Cinquanta. Trattare con la mafia si può, aiutare gli ultimi no, questo è il messaggio uscito dalle aule di tribunale negli ultimi giorni. Così non va. Serve un’alternativa alla normalizzazione imperante e il laboratorio calabrese può essere un banco di prova a partire dalla vicenda umana e politica di Mimmo Lucano.

* Presidente di Azione Civile-Popolo per la Costituzione


Tratto da: azionecivile.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy