Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il boss di Bari, il 56enne Vincenzo Anemolo, ritenuto capo dell'omonimo clan mafioso del quartiere Carrassi del capoluogo pugliese, ha deciso di collaborare con la giustizia. Il pluripregiudicato ha manifestato nelle scorse settimane la volontà di "pentirsi". Era in carcere dal gennaio 2020 nell'ambito del procedimento sulla gestione mafiosa delle videolottery (e già condannato per questo a 6 anni di reclusione in primo grado) e poi dal marzo scorso era stato raggiunto da un'altra misura cautelare per l'omicidio dell'ex sodale Fabiano Andolfi, del quale è ritenuto il mandante. Nell'ambito di questo processo ha chiesto il rito abbreviato ed è in attesa che sia fissata l'udienza. Le sue dichiarazioni potrebbero rivelare particolari sulle dinamiche criminali interne a diversi clan baresi, come i Parisi dei quali gli Anemolo sono storici alleati. Nei più recenti atti giudiziari che lo riguardano si ricorda il passato criminale, con più di 20 anni passati in cella per omicidio, traffico di droga, sequestro di persona e armi fin dagli anni Novanta. I magistrati, nelle carte relative all'ultimo arresto, ne ricordano la "datata pericolosita'" definendolo "il capo assoluto del quartiere Carrassi".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy