Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Ancora prima di guardare alle risorse che arriveranno, bisognerà guardare alle attività economiche esistenti che oggi sono ferme e che sono a rischio, altrimenti la ’Ndrangheta si impossesserà di tutto". Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho, intervenendo al convegno online "Le mafie ai tempi della pandemia e del Recovery", organizzato dal movimento politico-culturale "Zonadem". De Raho ha osservato che "oggi la maggiore preoccupazione è l'indebolimento dell'economia legale e sana, in buona parte costretta a fermarsi o a rallentare, mentre invece le mafie, la 'Ndrangheta in particolare, hanno continuato a incamerare la liquidita'. Ciò che ci preoccupa è l'infiltrazione nelle attività economiche che sono state costrette a rallentare o sono rimaste chiuse e di quelle attività economiche rispetto alle quali le liquidita' della 'Ndrangheta e delle altre mafie costituiscono il più grande rischio in questo momento".
Il procuratore nazionale antimafia ha quindi evidenziato che "probabilmente, in un momento come questo, bisogna cominciare ad avvicinare Confindustria, Confersecenti, Confcommercio, Assoturismo, tutte le associazioni di categoria che probabilmente hanno il polso di quanto sta avvenendo, ovviamente laddove queste associazioni siano affidabili e credibili perché a volte non è così. E' necessario un lavoro di condivisione con queste associazioni di categoria per comprendere - ha aggiunto - se sia possibile un progetto per sostenere le imprese sane. La magistratura, le procure distrettuali di Reggio e Catanzaro, stanno facendo tantissimo. Quanto alle risorse che arriveranno, verranno controllate, in primo luogo attraverso le segnalazioni delle operazioni sospette. Quest'anno abbiamo avuto 110mila segnalazioni, una crescita del 10%, notevole. Ma tutto quello che possiamo fare con i controlli non basta senza una coesione sociale, senza una vicinanza della politica alle attività economiche. E' necessario - ha concluso de Raho - che la politica si riappropri in pieno del suo ruolo e operi in modo da svolgere quella azione di coesione sociale, l'unica che consenta di battere la 'Ndrangheta la criminalità organizzata".

Foto  © Imagoeconomica




ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy