Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Direzione Investigativa Antimafia ha sequestrato beni per due milioni e mezzo di euro all'imprenditore Walter D'Alessandro, 48enne, coinvolto nell'ambito dell'operazione denominata "Dama Bianca", coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo abruzzese, per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. L'impresario aquilano, come si legge in una nota degli inquirenti, avrebbe finanziato l'organizzazione e garantito supporto logistico sia fornendo i mezzi per il trasporto della droga sia assumendo fittiziamente alcuni sodali di nazionalità albanese presso società a lui riconducibili, tra cui la EdiLDama S.r.l. e la Sunshine S.r.l.. Il sequestro, eseguito nel capoluogo abruzzese e nella provincia di Teramo, ha interessato l'intero capitale sociale e il complesso dei beni strumentali di 2 imprese attive nel settore dell'edilizia, 25 fabbricati e 6 terreni ubicati a L'Aquila e Teramo, 3 autoveicoli - tra i quali una Lamborghini "Gallardo" - un'imbarcazione da diporto di oltre 20 metri, registrata presso la Capitaneria di Porto di Viareggio, nonché diversi rapporti finanziari, per un valore complessivo stimato in circa 2,5 milioni di euro.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy