Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“La puntata di Report ha generato solo grandissima confusione”

"Non è alla mafia che interessava l'agenda rossa di Paolo ma alle parti deviate dello Stato. E se quell'agenda fosse nelle mani di Matteo Messina Denaro, avrebbe uno strumento di ricatto incredibile". E’ intervenuto così all’AdnKronos Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo ucciso da Cosa nostra. Ieri sera la trasmissione Report ha dedicato una puntata alla Trattativa Stato-mafia e alle stragi del 1992, puntata che però secondo il fratello del giudice "non ha fatto altro che creare confusione". "Chi conosce la storia non ne ha ricavato nulla di nuovo, chi non è addentro alle cose è rimasto stordito - ha affermato - Una serie di notizie, di ipotesi, di informazioni, affastellate una dietro l'altra che hanno generato solo una grandissima confusione. Un frullato di cose vere e altre poco attendibili. Ognuno degli argomenti affrontati ieri sera avrebbe avuto bisogno di una trasmissione dedicata, di un approfondimento. Sono cose serie, non notizie". In particolare a colpire Salvatore Borsellino sono state le dichiarazioni secondo cui l'agenda rossa del giudice, scomparsa subito dopo l'attentato in via d'Amelio, sarebbe nelle mani del boss latitante Matteo Messina Denaro. "La mafia - ha evidenziato - non è interessata al contenuto di quella agenda. E' lo Stato, e in particolare le sue parti deviate, che avevano tutto l'interesse a farla sparire. L'agenda rossa di Paolo è sicuramente nelle mani dei servizi segreti e non dei mafiosi". Borsellino non ci sta inoltre a sentire parlare di una "presunta" trattativa Stato-Mafia. "Smettiamola di chiamarla così - ha detto - Una sentenza di primo grado ne ha già riconosciuto l'esistenza, definirla presunta confonde solo le idee di chi ascolta". E ha aggiunto: "La trattativa per la mafia è stata un'elevazione di status, un riconoscimento. Cosa Nostra e lo Stato sullo stesso piano, a trattare l'uno con l'altro. Pensate cosa sarebbe successo se la sua esistenza fosse venuta fuori negli anni subito dopo le Stragi del 1992, quando la società civile era scossa e mobilitata dalle morti di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Sarebbe stato sconvolgente". Il fratello del giudice Borsellino non trascura neanche le dichiarazioni del boss stragista Giuseppe Graviano. "La verità - ha detto - è che Berlusconi è riuscito a fregare anche i mafiosi, infatti Graviano gli rimprovera di averlo lasciato in carcere e di non aver ottemperato ai patti. In fondo porta avanti un ricatto nei confronti di Berlusconi, i messaggi che lancia dicono 'io potrei parlare...'".

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Ingroia: ''Agenda Rossa di Borsellino è in mano a uomini di Stato, non boss''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy