Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Sono fiducioso che sia vicino il momento per la verità"

Il prossimo 4 gennaio si ricorderà il 30esimo anniversario della Strage del Pilastro dove morirono a Bologna tre giovani carabinieri per mano della Banda della Uno Bianca. Tuttavia a causa delle norme anti-covid i familiari delle vittime non potranno partecipare alla cerimonia. “Non esserci è per noi una grande sofferenza", ha dichiarato all'ANSA Ludovico Mitilini, fratello di Mauro, assassinato nel 1991 insieme ai colleghi Andrea Moneta e Otello Stefanini. Sulla Strage "siamo di fronte a una verità monca, ci sono lati oscuri: per questo da parte di alcuni familiari sarà fatta una richiesta formale di riaprire le indagini", aggiunge. Già lo scorso anno, in una lettera diffusa per il 29/o anniversario, i familiari avevano detto di auspicare una riapertura: "Abbiamo chiesto di digitalizzare gli atti", ha ricordato Mitilini. Per il fratello del carabiniere assassinato dalla banda capeggiata dai fratelli Savi, composta quasi tutta da poliziotti che tra il 1987 e il 1994 lasciarono dietro di sé 24 morti e oltre 100 feriti tra Bologna, la Romagna e le Marche, già nella sentenza del 1997 "ci sono elementi che destano perplessità, testimonianze non valorizzate per quello che erano".e
La Corte di Assise di Bologna, ha affermato Mitilini, "ha creduto alla versione dei Savi che affermarono 'i tre carabinieri furono uccisi per impossessarsi delle loro armi' eppure i membri della banda avevano a disposizione un arsenale, non c'era bisogno di rubarle ai Carabinieri e, comunque, essendo poliziotti le avrebbero potuto rubare facilmente dai propri uffici". C’è poi il tema di un'ordinanza del questore di Bologna dell'epoca "che disponeva in modo dettagliato ed inequivocabile, una vigilanza fissa delle forze dell'ordine innanzi alla ex scuola Romagnoli, colpita nei giorni precedenti da una molotov. Non è chiaro, allora, come mai i carabinieri si fossero spostati in via Casini, dove furono assassinati, luogo 'non limitrofo' ed abbastanza distante dall'obiettivo da vigilare. Ad infittire il mistero, anche la sparizione del foglio di servizio della pattuglia". Tra le testimonianze non sufficientemente valorizzate, a suo avviso, quelle di chi vide i killer, dopo la strage, salire su un'Alfa Romeo 33 guidata da un 'quarto uomo' mai identificato. Restano dubbi anche sulla modalità dell'assassinio: "I killer del Pilastro, dopo aver colpito i carabinieri, con una pioggia di fuoco, non scapparono, anzi, continuarono a sparare assicurandosi che i tre fossero morti, quindi, probabilmente, l'obiettivo di quella sera del 4 gennaio 1991 era proprio uccidere tre giovani carabinieri". Mitilini ha ricordato infine come le prime indagini si indirizzarono, erroneamente, sulla criminalità organizzata. "Non ci ho mai creduto, anche se c'era il supporto di una 'super testimone', Simonetta Bersani, "che indicava i Santagata, alcuni pregiudicati del quartiere Pilastro, tra i killer dei Carabinieri". Dopo l'arresto dei Savi, i Santagata furono assolti e Bersani fu inquisita per calunnia, ma nel 2007 "il procedimento penale venne archiviato per scadenza dei termini. Forse un'occasione perduta per arrivare alla piena luce su tutta questa storia. Sono fiducioso - ha concluso - che sia vicino il momento per poterla fare".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy