Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In manette l'autore, ma se i mandanti avessero la pelle bianca?

Uccisa a colpi di martello e violentata. E' l'orribile storia di violenza che ha subito, la 42enne imprenditrice etiope che a Trento, dove viveva, aveva creato l'azienda agricola biologica 'La Capra felice'. A Capodanno avrebbe compiuto gli anni.
Stamattina è stato arrestato il presunto autore, reoconfesso, il pastore ghanese di 32 anni Adams Suleimani, che lavorava con lei. La motivazione di tanta violenza?
L'uomo ha riferito ai carabinieri ed al magistrato di aver discusso con la donna per il mancato pagamento di una mensilità. L'omicida ha colpito Gudeta nella camera da letto della donna e ha raccontato di averlo fatto per 4 o 5 volte. Poi, mentre la stessa si trovava a terra, inerme, c'è stata la violenza sessuale. Caso chiuso? Apparentemente sì, o almeno sarà quello che diranno i più.
Tuttavia, se si vede la storia di questa donna che aveva il sogno di salvare dall'estinzione la capra mochena (specie di capra che sopravvive in una valle isolata della Provincia di Trento), ci si accorge che anche dietro questo delitto può nascondersi quel gravissimo germe razzista, fascista e nazista.


ideo gudeta agitu capra da open online


Perché la donna aveva denunciato come dei vicini la avevano insultata, chiamandola “brutta negra” e dicendole di doversene andare perché quello “non era il suo posto”.
Quella storia di minacce e danneggiamenti finì anche in tribunale con la condanna a 9 mesi per lesioni di un uomo del posto che aveva sempre liquidato la faccenda come una lite fra vicini. Non sarà lui il responsabile, ma quel modus operandi che passa dall'intolleranza alla violenza verbale, fino ad arrivare a quella fisica, da anni ormai è tornato ad essere prorompente in questa “cattolicissima” Italia.
Per chi compie questo tipo di violenze non può esserci tolleranza o misericordia. Ed i colpevoli, e soprattutto i loro mandanti ricchi e benpensanti, meritano l'ergastolo senza sconti.
Quando ci sono crimini così efferati, alla luce di quei precedenti di violenza subita, non deve stupire che possano esservi “mandanti dalla pelle chiara”. Un sospetto quantomeno legittimo.
Per chi è credente vi è la certezza che arriverà il giorno in cui l'uomo bianco dovrà saldare il conto per tutte le violenze perpetrate contro i fratelli di colore. Secondo la giustizia di Dio.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy